Aver (Monte dell’) dal Vallone di Riofreddo per il Colle dei Morti, anello per il Colle d’Orgials

Aver (Monte dell’) dal Vallone di Riofreddo per il Colle dei Morti, anello per il Colle d’Orgials

Dettagli
Dislivello (m)
1200
Quota partenza (m)
1535
Quota vetta/quota (m)
2745
Esposizione
Varie
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Malinvern 1836 m

Note
Percorso poco frequentato, specialmente dopo il Lago dell’Aver fino al Colle dei Morti.
Possibilità di compiere un anello, ed eventualmente abbinare la salita al vicino Monte della Valletta (quasi 300 m di dislivello aggiuntivi)
Avvicinamento
Da Borgo San Dalmazzo si risale in auto la Valle Stura fino a Vinadio. Superato Vinaio, in località Pratolungo si devia a sinistra seguendo indicazioni per Colle della Lombarda e Sant'Anna di Vinadio. Dopo numerosi tornanti si arriva alla piccola frazione Puà, dove oltre le case sulla sinistra (curva stretta) si imbocca la strada asfaltata (stretta a tratti) che dà accesso al Vallone di Riofreddo.
Si risale il vallone superando la Diga di Riofreddo, per proseguire sino al termine dell’asfalto, dove si lascia l’auto in un ampio spiazzo nei pressi di una baita di recente costruzione, oppure lungo gli spazi a bordo strada poco oltre. Dopo 200 m c’è comunque un divieto di transito.
Descrizione

Dal parcheggio del Vallone di Rio Freddo 1535 m si prosegue sulla strada sterrata che conduce al Rifugio Malinvern, si tralascia un primo bivio sulla destra (poco evidente) che porta ai laghi Nero e Martel, per continuare ancora per alcune centinaia di metri, superando un ponticello, oltre il quale sulla destra ha inizio il sentiero (palina) per i laghi dell’Aver e Colle dei Morti.
Si sale subito in maniera sostenuta nel bosco di conifere, proseguendo poi sul lato sinistro della stretta valletta rispetto al corso del torrente emissario dei laghi. Il sentiero non è particolarmente curato ma è comunque facile e redditizio per la pendenza.
Usciti dal bosco si deve attraversare il corso d’acqua (non vi è né ponte né passerella, con molta acqua può causare qualche problema); si riprende subito a salire sulla sponda opposta, sentiero che si perde un po’ nella vegetazione, ma presto si arriva alla splendida conca del Lago Inferiore dell’Aver 2136 m. Si costeggia il lago sulla destra, al culmine del quale nei pressi dell’immissario una palina indicatrice segna il sentiero di sinistra per il Colle dei Morti, tralasciando quindi quello che prosegue al lago superiore dell’Aver.
Attraversati due ruscelli ci si alza in diagonale verso sinistra rispetto alla conca del lago, poi una lieve discesa per aggirare un costone roccioso, e quindi il sentiero diventa man mano una bella (purtroppo abbandonata) mulattiera militare a tratti in ottimo stato, imboccando la valletta laterale che culmina con il Colle dei Morti, ben visibile in fondo. Dapprima con un lungo rettilineo e poi con una serie di tornantini più ripidi, si giunge al colle dei Morti 2477 m.
A questo punto il Monte dell’Aver si trova alla nostra destra, si individua una traccia di sentiero abbastanza evidente nei pressi del crestone o poco sotto sul lato Colle della Lombarda. Con percorso abbastanza ripido si giunge alla selletta posta fra le 3 cime della montagna. La più alta è posta a destra (est) allungata sul vallone di Rio Freddo (croce rudimentale). Consigliabile raggiungere anche le altre due sommità, la centrale (croce su un castelletto roccioso senza difficoltà) e quindi la cima ovest poco pi avanti, raggiungibile attraversando una breve pietraia.

Per la discesa, oltre a ripercorrere a ritroso il percorso dell’andata ci sono almeno due possibili opzioni (che però richiedono un dislivello aggiuntivo).
1.Anello per il Colle d’Orgials: tornati al Colle dei Morti, si segue la mulattiera in discesa verso la strada del Colle della Lombarda, ma prima di raggiungerla, si individua a sinistra una mulattiera di collegamento, che aggirando le pendici del Monte della Valletta, risale poi di quota conducendo al Colle d’Orgials 2600 m (possibile salire la vicinissima cima d’Orgials. Da qui inizia la lunga discesa nell’omonimo vallone, giungendo ai Laghi d’Orgials 2325 m. Qui una bella mulattiera scende rapida con numerosi tornanti nel pendio erboso, sino ad una conca acquitrinosa con un laghetto, nella zona dei ruderi delle Grange Segnassa. Si scende quindi superando una zona di rocce montonate per poi inoltrarsi nel bosco a monte del Rifugio Malinvern- Città di Ceva 1836 m. Da qui percorrendo la stradina sterrata del fondovalle, si ritorna al parcheggio.
2.Una volta ritornati al Lago Inferiore dell’Aver, si sale al Lago Superiore 2330 m, per poi proseguire verso la valletta parallela in discesa dove si incontreranno il Lago Martel ed il Lago Nero, per poi scendere dal sentiero che riporterà nel Vallone di Rio Freddo.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
andrea81
14/06/2020

Nelle vicinanze Mappa

8 mesi fa
6 anni fa
10 anni fa
11 anni fa
14 anni fa
15 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Link copiato