Aussois (Tete d’) dalla Diga di Plan d’Amont per il Col d’Aussois

Aussois (Tete d’) dalla Diga di Plan d’Amont per il Col d’Aussois

Dettagli
Dislivello (m)
1076
Quota partenza (m)
2078
Quota vetta/quota (m)
3126
Esposizione
Sud
Grado
F

Località di partenza Punti d'appoggio
refuge du fond d'aussois 2350mt caf

Note
Cima di rocce rotte situata tra il colle d'aussois a sud est e la Pointe Chevrière a nord ovest , facilmente concatenabile con la più semplice e frequentata Pointe de l'Observatoire.
Avvicinamento
Da Susa si deve raggiungere il Colle del Moncenisio con la SS25. Si scende successivamente sul versante francese con la D 1006 fino a raggiungere Lanslebourg, dove si deve svoltare a sinistra (indicazioni per Termignon e Modane) sempre lungo la D1006, toccando prima Termignon e quindi Sollières. Da qui si abbandona la D1006 che prosegue in direzione di Modane svoltando invece a destra lungo la D83 (seguendo le indicazioni per Sardières e Aussois). Si raggiunge prima Sardières e poi Aussois, dove seguendo il cartello con indicazione per il Barrage de Plan d’Amont si prende la strada D108 che conduce prima al Lago di Plan d’Aval e infine, dopo un breve tratto di strada sterrata, al grande parcheggio posto sotto la Diga del Lago di Plan d’Amont (65 km da Susa)
Descrizione

dal parcheggio sotto la diga di Plan d’Amont si segue la strada sterrata che sulla sinistra raggiunge lo sbarramento della diga e prosegue in leggera salita sulla sponda sinistra del lago, andando poi verso destra, passando sotto una bastionata rocciosa e raggiungendo un vasto pianoro a quota 2250 m. Si trascura un sentiero che si stacca sulla sinistra (sale verso il Col de la Masse e verso la Pointe de l’Echelle) piegando invece a destra, attraversando un ponticello in legno (Pont de la Sétéria), e salendo un dosso erboso il sentiero raggiunge un altro bivio con cartelli indicatori.
Trascurando il ramo di destra che sale verso i Rifugi di Plan Sec, de la Fournache e Dent Parrachée) si volge a sinistra (cartello indicatore per il Refuge du Fond d’Aussois e il Col d’Aussois) dove il sentiero prima in leggera salita e poi con percorso pianeggiante raggiunge l’ampio e grande pianoro del Fond d’Aussois a quota 2300 m.
Si prosegue nel pianoro, dove il sentiero si porta verso destra, raggiungendo prima la chiesetta della Notre Dame des Anges m. 2312 e poi con percorso evidente conduce prima al vecchio Refuge du Fond d’Aussois e poi al rifugio nuovo, posto a quota 2330 m. Dai rifugi il sentiero prosegue la risalita del vallone prima verso destra e poi a sinistra portandosi sotto ad una bastionata rocciosa (segni gialli e ometti).
Piegando a destra, il sentiero risale una ripido pendio detritico e di rocce montonate, guadagnando quota rapidamente, poi si incunea in un valloncello di pietroni e lastronate, con alcune diagonali prima a destra e poi a sinistra in direzione di una grande croce di legno (utile riferimento per la salita in caso di scarsa visibilità).
Passando un poco a monte della croce in legno, si raggiunge un dosso roccioso dove sono ben visibili sia il Col d’Aussois, piegando a destra, guidati dai segni gialli e numerosi ometti si raggiunge l’ampia spianata del Col d’Aussois m. 2915 (ometto di pietre e cartello indicatore).
Volgendo a destra (est) su terreno ripido con rocce mobili di notevoli dimensioni, si raggiunge il filo di cresta e seguendo qualche raro ometto con tratti esposti e l’uso delle mani si giunge in vetta.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Bibliografia:
massif et parc national de la vanoise
bryter-layter
15/07/2016
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 1540m 2.9Km

Aussois – Piste

Webcam
Link copiato