San Viano (Placche di) Grande magooo

difficoltà: 6b+ / 6a+ obbl
esposizione arrampicata: Sud-Est
sviluppo arrampicata (m): 190

copertura rete mobile
wind : 60% di copertura

contributors: enricotom
ultima revisione: 07/11/15

località partenza: Campocatino (Vagli Sopra , LU )

punti appoggio: rifugio Campocatino

accesso:
Da Castelnuovo Garfagnana, prendere la statale in direzione Aulla fino a che in località Il Poggio non si svolta a sinistra in direzione di Vagli e del lago omonimo. Superata la diga ci dirigiamo verso Vagli di Sopra dove, nel centro del paese, incontriamo un bivio. Svoltiamo a destra seguendo le indicazioni per Campocatino che si raggiunge in pochi km.

Dalla località di Campocatino seguire le indicazioni per l'Eremo di san Viano (o Viviano).
Giunti a questo (20/30min) seguire dei cavi corrimano che aiutano a scendere ripidamente verso le placche evidenti (prestare attenzione).
Per terreno ricco di vegetazione e spine si giunge all'attacco, posto in corrispondenza di una sorta di invaso sormontato da una bella placca incisa da rigole (altri 10 min). Si incontra prima l'attacco della vie Roberto Nobili (targhetta metallica).

note tecniche:
Via meritevole in un contesto isolato e molto bello (nonostante la cava attiva sul versante opposto della vallata. La via ha anche un tiro finale che permette di uscire direttamente sul sentiero di accesso; in quel caso è conveniente lasciare gli zaini lì. La parete prende il sole quasi tutto il giorno (ombra a novembre dalle 15,30) con effetto 'specchio ustorio', è decisamente consigliabile frequentarla in terse giornate invernali.

descrizione itinerario:
La via sale con arrampicata mai scontata e banale la bella parete di San Viano, di calcare compatto e rugoso ma avaro di appigli. La chiodatura è sicura a fix ma non sempre ravvicinati (S2); le soste sono su due fix da collegare. Non sono utili protezioni veloci. Benchè i passaggi siano sempre ben protetti è bene muoversi con una certa disinvoltura su questo tipo di terreno vista la chiodatura a tratti distanziata.
L1 per placca appoggiata si arriva ad un piccolo tettino che si supera con strano passaggio di ribaltamento; poi ancora placca, andando a sostare al margine sinistro di una cengia erbosa. 5c/6a
L2 dalla sosta si supera un primo muretto seguito da una cengetta e da un altro muretto più ripido, infine in traverso alla sosta con fix e cordini. 6b/+
L3 per muro bellissimo lievemente a destra (si incrocia la via carpe diem) fino ad un tettino con altro strano ribaltamento 6a+
L4 per placca ruvida inclinata alla sommità della parete, ad una sosta di calata 5b
Da questo punto è possibile calarsi (con la singola da 80 m 3 doppie precise lungo la via Nove Sole Vecchi Pacchi), oppure con un ulteriore tiro in traverso sulla destra (roccia meno nobile e vegetazione) uscire nel bosco.
L. 5 la via prosegue con un tiro più facile e sosta alla base dell'ultimo tratto più verticale 5b
L.6 superare la parete qui strapiombante 6b e poi più facile fino all'uscita 5c (10 metri dalla strada sterrata che riporta a Campocatino)

altre annotazioni:
La parete presenta vari altri itinerari, sulle vie storiche sono state di recente aggiunte delle piastrine secondo criteri non sempre chiari.