Salinas (Punta) dal Golgo

sentiero tipo,n°,segnavia: bollini rossi, ometti
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 397
quota vetta/quota massima (m): 466
dislivello salita totale (m): 720

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: emanuele_80
ultima revisione: 10/06/15

località partenza: Su Porteddu (Baunei , NU )

punti appoggio: Campeggio Su Porteddu (397 m)

cartografia: Barbagia (isola dei tesori) Balzano Editori 1:50.000

bibliografia: Sardegna - Le più belle escursioni per coste e monti (n.28)

accesso:
Giunti presso la piazza della chiesa di Baunei, 20 m circa più avanti, si imbocca sulla destra una deviazione che, attraverso numerosi ripidi tornanti in salita, conduce sull'altopiano del Golgo. Si percorre quasi per intero la strada asfaltata che procede, all'interno del Bacu Golgo, in direzione NE e, dopo alcuni km, si devia verso destra e ci si immette su una sterrata che giunge a termine in prossimità dell'ovile Su Porteddu, da cui inizia il percorso a piedi.

note tecniche:
Splendido e suggestivo itinerario che, dall'impervia rocca di Punta Salinas, consentirà una spettacolare veduta panoramica su Cala Goloritzé e parte della costa Nord del Golfo di Orosei.
Si tratta di un percorso su terreno roccioso, con cammino in parte pietroso e solcato da torrenti; in salita alla vetta e in discesa attraverso il canalone detritico nel Bacu Canale, sopra punti esposti, è richiesta sicurezza nel passo. Approvvigionarsi di buone scorte d'acqua potabile.

descrizione itinerario:
Lasciate le auto nella radura dell'ovile (397 m), imboccare l'evidente sentiero che risale il ripido costone e porta, dopo circa 30', ad un'ampia e panoramica sella (462 m) che si affaccia sul Bacu Goloritzé. Ora deviare verso destra, in direzione di Monticlu (645 m), percorrendo il fondo di Bacu Canale, la parte alta di Bacu Goloritzé, e raggiungendo ben presto le rovine di un antico ovile. Superato tale ovile, risalendo il costone, imboccare l'evidente sentierino a mezza costa che si snoda lungo la curva di livello dei 500 m. Dopo circa 40' di cammino dalla sella, si raggiunge un ampio e suggestivo terrazzo panoramico dove, scendendo sul lato opposto ad uno spiazzo in ghiaia, risiede il Cuile Erbidozzili (625 m). Lasciare sul lato sinistro il recinto e gli stallaggi recintati di questa fattoria e procedere in discesa nella macchia fino a raggiungere una carrozzabile che si segue a sinistra in direzione mare. Si arriva ad una diramazione di sentieri, dove si segue la carreggiabile a destra per 10 minuti fino ad una piazzola di scambio. Qui una pista battuta conduce bruscamente a sinistra. Percorrere quest'ultima in direzione NW sino ad intercettare, su un ampio pianoro, i resti di un antico ovile: si tratta del coile Su Runcu ’e Su Pressu, (conosciuto anche come coile Pilighittu), costituito da una bellissima capanna, ancora intatta, e da un recinto per le capre che, purtroppo, non è più in buone condizioni. Dopo una breve visita a tale sito, procedere, sempre in direzione NW, verso l'impervia rocca di Punta Salinas, che ora si vede non lontano. Si cammina lungo un sentierino poco visibile che, a tratti, esce dal fitto bosco di ginepri per snodarsi lungo pendii scoscesi, ma sempre sicuri. Dopo circa 40', si raggiunge la sommità di Punta Salinas, al di sotto della quale, su un terrazzino panoramico, si gode di una vista mozzafiato.
Tornando indietro, si va poi ad intercettare un sentiero che si stacca a destra e che si snoda attraverso dei ripidi tornanti in discesa, all'interno di una pietraia. Dopo circa 30' si giunge all'interno di Bacu Linnalbu, affluente di Bacu Goloritzé, dove ci si immette in una comoda mulattiera che raggiunge in 20' la confluenza con Bacu Goloritzé. Percorrere quindi la mulattiera in discesa sino ad arrivare, in circa 40', a Cala Goloritzé.
Dopo una breve rinfrescata, percorrere in continua salita il Bacu Goloritzé che, in circa 2 ore, riporta all'ovile di Su Porteddu, punto di partenza dell'itinerario.