Forcola (Punta della) da Andriera

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1568
quota vetta/quota massima (m): 2590
dislivello salita totale (m): 1022

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: maxfield
ultima revisione: 25/11/14

località partenza: Andriera (Usseglio , TO )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.8 Valli di Lanzo

accesso:
torino, lanzo,superato l'abitato di usseglio bivio a sinistra per perinera -pian benot, superato l'abitato di perinera dopo 4 tornanti e circa 2,5 km parcheggiare l'auto ad andriera al margine di un vasto prato.

note tecniche:
accesso e percorso analoghi alla salita della Rocca del Forno,
sino al colletto 2540, qui occorre raggiungere il colletto di dx e seguire la cresta sud della punta della Forcola tenendosi
dal suo lato est.

descrizione itinerario:
da andriera si attraversa il vasto prato in direzione sud, raggiungendo la visibile traccia che risale il pendio,dopo alcuni minuti si supera una costruzione/acquedotto risalendo poi nel bosco con ripidi tornanti alternati a radure. verso 1800 m si esce su terreno aperto incrociando il sentiero proveniente da perinera/traversette (40’), proseguendo si attraversa un ruscelletto , il sentiero svolta a destra e raggiunge un altopiano erboso al cui centro scorre il rio lunella (55’).
qui si scorgono da sinistra verso destra punta lunella. punta cruvin, punta cruvin ovest, rocca del forno e punta della forcola.
si tiene la destra idrografica del rio, seguendo il sentiero più basso (quello a sx porta alla cresta della lunella) che prosegue diritto e si infila in un boschetto di ontani. dopo circa 15’ si esce su terreno aperto, il sentiero svolta a sx e rimane alto sopra al pian lunella, poi si perde verso i 2000 m. puntare verso il letto del torrente quasi sempre asciutto(nevai ad inizio stagione)salendo sul ripido pendio della sua dx idrografica. giunti ad una quota di circa 2080 m si raggiunge il passaggio chiave per accedere alla parte superiore del vallone (1h30’). Vi è un grosso ometto e si svolta a destra in un altro boschetto di ontani. tutta la traccia è segnata con minio rosso. dopo circa 10 minuti si esce nella parte superiore del vallone su terreno pulito. attenzione in discesa!! tenere la parte destra della conca fino a reperire i segni rossi e gli ometti, tutto il resto del pendio strapiomba con salti di roccia!!!.si prosegue per il centro del vallone raggiungendo alcuni laghetti a quota 2300 m in ambiente molto severo (2h15’). si punta ora a dx verso la visibile cresta nord della rocca del forno e precisamente al colletto 2540 m a destra di una gobba rocciosa. il colletto a sx della gobba serve per salire la Rocca del Forno. salita disagevole per i detriti, puntare contro le rocce e poi traversare a sinistra in diagonale sino quasi al colletto,che si raggiunge infine aggirando una gobba rocciosa sulla destra (3 ore). da qui bella vista su punta nonna e nonnetta con dietro il rocciamelone. si risale ora la cresta sud della punta della Forcola tenendosi
sul suo lato di destra est(il lato ovest strapiomba sul vallone della Muja)in circa 15 minuti si raggiunge la vetta con ultimo breve aggiramento dal suo lato nord.Buon panorama sui monti del bacino di Malciaussia.
Attenzione in discesa a non puntare subito dalla vetta verso il centro della conca in quanto vi sono alcune balze rocciose.e'consigliabile ritornare al colletto 2540

altre annotazioni:
Vetta poco frequentata e innominata in alcune carte,dove risulta una quota di 2549 mt.Nessun segnale in cima