Dinosauri

difficoltà: 6b / 6a obbl / A0
esposizione arrampicata:
sviluppo arrampicata (m): 450

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: Moa
ultima revisione: 01/06/14

località partenza: Dro (Dro , TN )

accesso:
Sia proveniendo da Trento che da Arco percorrere la statale 45 bis fino al paese di Dro, da qui seguire le indicazioni per il campo sportivo, ampio parcheggio.
Dal parcheggio imboccare la strada forestale che porta verso le pareti svoltando a dx al primo bivio, seguirla verso nord per una decina di minuti fino ad arrivare ad una sbarra. Da qui seguire il sentiero che diparte a sx salendo verso le pareti, proseguendo poi a dx entrando brevemente nel bosco per poi salire lungo un ghiaione fino al suo termine (su questa parete si trovani le vie “Mercurio sepeggiante” e “La bellezza della Venere”). Dalla cima del ghiaione seguire una traccia di sentiero che verso dx si inoltra nel bosco, attraversando poi in quota fino alla “Parete di Sherwood”. Oltrepassata la parete salire a sx seguendo le tracce di sentiero fino ad arrivere contro un’altra parete, seguirla verso dx fino all’attacco. Scritta alla base.

note tecniche:
Corde da 60m
Necessari solo rinvii
Soste attrezzate a fix da collegare

descrizione itinerario:
1° tiro 4a - 5a
2° tiro 5a, 5b
3° tiro 3a
4° tiro 5b
5° tiro trasferimento
6° tiro 3°a
7° tiro trasferimento
8° tiro 5a
9° tiro 5b, 5c
10° tiro 5c
11° tiro 6a
12° tiro 6b (A0)6a
13° tiro 5c, 5a
14° tiro 5b

Discesa:
Dall’ultima sosta su un grande masso alzarsi verso sud, e senza via obbligata, scendere verso sx lungo i grandi massi rimanendo sempre ad una certa distanza dal bordo della parete. Ad un certo punto reperire una serie di ometti che portano, lungo delle placche appoggiate, ad entrare nel bosco deviando a sx ed attravesrsandolo brevemente. Usciti dal bosco prendere verso dx passando accanto al bordo della parete (da questo tratto di parete escono le vie “Mercurio serpeggiante” e “La bellezza della Venere”), da qui percorrere l’evidente sentirero che conduce fino al “sentiero delle cavre”, proseguendo in discesa per lo stesso fino ad arrivare su una forestale con Cappella, svoltando a sx si è in breve al parcheggio.

altre annotazioni:
Aperta da L. Pilati e A. Michelotti nel 2012