Piani Eterni - Casera Erera dal Lago della Stua

L'itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: nr 806 - 802 forestale e sentiero facile
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 660
quota vetta/quota massima (m): 1700
dislivello salita totale (m): 1050

copertura rete mobile
tim : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: lancillotto
ultima revisione: 30/08/12

località partenza: Lago della Stua (Cesiomaggiore , BL )

punti appoggio: Ricovero Brandol - Casera Erera

cartografia: Carta Tabacco 023 - Alpi Feltrine

note tecniche:
Itinerario x tutte le stagioni. I Piani Eterni sono uno dei posti più suggestivi delle Vette Feltrine. L'avvicinamento per la lunga e ripida strada forestale è un pò monotono nella parte bassa. La Casera Erera è gestita nella stagione estiva come alpeggio.
Si può avere una piccola ristorazione (polenta, formaggio, vino, caffè) preparata dal pastore. Per gli amanti dei buoni formaggi quello prodotto in casera è uno dei migliori in assoluto. La vicina casera Brandol è bivacco del Parco Dolomiti Bellunesi: c'è un locale aperto con tavole e panche e un'altra parte chiusa a disposizione del Parco.

descrizione itinerario:
Da Cesiomaggiore si seguono le indicazioni per la Val Canzoi che si inoltra nel parco dell Dolomiti Bellunesi (vari agriturismi e foresteria del Parco). Lasciata l'auto nel comodo parcheggio prima dell'ex Albergo Boz (ora credo solo bar) si sale al vicno Lago della Stua, bacino artificiale molto coreografico dove si specchia il Piz Sagron. Seguire la stradetta in piano che attraversa il torrente fino al bivio con il sent. 806 per il biv. Feltre.
Salire per circa ore 1,40 sfruttando le varie scorciatoie fino a trovare un bivio (indicazione Porzil). Si può seguire questo sentiero più breve che si inoltra in una stretta valletta molto umida e scivolosa fino ad affacciarsi sul bellissimo Piano Eterno con le casere Erera e Brandol e la grande stalla recuperate con un bel intervento di restauro dal parco Dolomiti Bellunesi. Scendere per prati e raggiungere le casere.
L'alternativa poco più lunga per raggiungerle, segue la strada fino ad arrivare al Piano.