Piccolo Anfiteatro Morenico anello da Ivrea

quota vetta/quota massima (m): 472
dislivello salita totale (m): 720
lunghezza (km): 90

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: franco@A
ultima revisione: 06/07/12

località partenza: Ivrea (Ivrea , TO )

punti appoggio: vari lungo il percorso

note tecniche:
Ampio percorso ad anello da Ivrea per strade interne che raggiunge molti dei paesi posti sul “basso anfiteatro morenico di Ivrea” interamente su strade asfaltate con molti sali e scendi fra piccoli centri, strade panoramiche e immerse nel verde. Il rientro su Ivrea avviene su percorso di mezzacosta panoramico che si sviluppa parallelamente alla dorsale della serra morena.

descrizione itinerario:
Da Ivrea si raggiunge Banchette e Pavone proseguendo per Perosa dove si svolta a dx e si sale a San Martino Canavese dove al primo semaforo, ancora in salita, si svolta a sx per Valfrè. Superata la piazzetta e iniziata la discesa si svolta al primo incrocio a dx per San Grato (se si prosegue dritto per la discesa si raggiunge direttamente Montalenghe accorciando l’itinerario ma si perde un bel tratto tra coltivazioni e vigneti) ancora al primo bivio si tiene a sx e si scende, si raggiunge un falsopiano e ancora a sx (trascurando l’indicazione a dx per s. Maria) si giunge a San Grato.
Oltrepassandolo si raggiunge Cucceglio (senza entrare nel paese) dove si tiene la dx per San Giorgio che si raggiunge percorrendo una piacevole discesa pedalabile. Alle prima case di san Giorgio si svolta a dx per Montalenghe dove al primo semaforo si prosegue diritto, in salita per Orio e con sali e scendi si raggiunge Barone Canavese.
Attraversata la provinciale si attraversa Candia e con una veloce discesa si raggiunge il lago di Candia. Si costeggia sul lato dx con panorama sul lago la piana e le montagne a nord. Un rettilineo ci porterà a Vische dove proseguendo sulla strada principale si sale alla piazzetta e con ampi sali e scendi e qualche strappato si raggiunge Mazzè percorrendo un tratto molto “aperto” tra vigneti e prativo. Inizia ora la discesa al ponte sulla Dora e la successiva salita che porta al piano e a raggiungere Villareggia. Proseguendo in direzione di Cigliano, poco dopo una grossa rotonda, si svolta a sx per salire a Moncrivello.
Fra le case di Moncrivello si scende lievemente per imboccare via Magione. Attraversata la statale dopo alcune centinai di metri si svolta a dx per raggiungere Maglione da est ma appena raggiunti gli impianti sportivi e le prime case a una piccola piazzetta si svolta a dx per Borgodale che si raggiunge percorrendo un falso piano fra coltivazioni di pesco.
Si tiene ora la direzione di Biella e appena fuori Borgodale sulla sx si trova una breve ciclabile che porta fra le case di Alice Castello e passato il pave alle ultime case si svolta a sx su strada in lieve salita un po’ più marcata successivamente, sino a valicare la collina sovrastante il lago di Viverone.
Appena passata la massima elevazione si svolta a dx iniziando un bel tratto panoramico. Percorsa la discesa netta si svolta subito a dx su per uno strappo che successivamente con sali e scendi raggiunge la statale Cavaglià-Ivrea percorrendola a sx in live salita sino a raggiungere nuovamente la vista del lago. Alla prima rotonda si prosegue diritto a scendere.
Percorso un tratto in discesa della statale, ad Anzasco nei pressi del primo parcheggio sulla sx si svolta a sx (con indicazione per Piverone) salendo un paio di strappi che portano a percorrere a mezza costa la Serra Morenica di Ivrea, su un bel tratto panoramico sulla sottostante piana di Ivrea passando così da Piverone Palazzo Bollengo e Burolo dove a sx si scende verso Cascinette e si rientra a sx a Ivrea chiudendo l’ampio anello.