Laus (Punta dei) Via Normale da Besmorello

difficoltà: PD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1635
quota vetta (m): 2739
dislivello complessivo (m): 1104

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: GIORGIOBI
ultima revisione: 18/09/09

località partenza: Besmorello (Vinadio , CN )

punti appoggio: rif. Migliorero

cartografia: IGC 7 Valli Maira Grana Stura

bibliografia: In cima nelle Alpi Marittime II di Bruno-Campana

note tecniche:
Elegante punta di rocce cristalline, domina la piana dove sorge il rif. Migliorero.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio a monte dell'abitato di Besmorello (1635 m ca, catena) si segue la carrareccia (scorciatoie) che sale sulla destra orografica del vallone dell'Ischiator. Raggiunto il corso d'acqua a q. 1910 si imbocca il sentiero P26 fino al rif. Migliorero. Senza raggiungere il rifugio si arriva in breve al trivio, si prende il ramo di sinistra per il p.so di Laroussa (palina).
A q. 2250 ca si abbandona il sentiero principale per imboccare una ripida traccia (palina) che porta al lago Laroussa.
Per evitare il faticoso attraversamento della pietrosa conca del lago conviene alzarsi sulla destra fino alla vicina fascia erbosa sottostante alla cresta rocciosa a nord-est della cima, che si segue con percorso diagonale ascendente a sinistra sempre alla base delle rocce. Le difficoltà aumentano progressivamente.
Superata una breve bastionata rocciosa (corto lastrone inclinato)si raggiunge verso i 2670 m la base della lastronata di rocce chiare sottostanti la poco marcata sella posta tra la vetta (a destra)e la cresta che scende dal punto nodale a levante della punta Gioffredo. Superando l'evidente e ripido canalino si raggiunge la cresta dove volgendo a destra per il filo di cresta (tratti di II) si raggiunge la vetta ad una decina di metri dal grande segnale di pietre visibile anche dal rifugio Migliorero.

altre annotazioni:
La cima non viene nominata ne sulla tavoletta IGM Bagni di Vinadio ne nella letteratura ufficiale(Cai-Tci). Il Bruno ne propone questo nome (laus,lago - toponimo provenzale)data la sua posizione centrale tra i laghi Laroussa e dell'Ischiator.