Gias dei Laghi (Testa) Sperone SO, Ghibaudo-Giraudo

difficoltà: D-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 2500
quota vetta (m): 2701
dislivello complessivo (m): 300

copertura rete mobile
wind : 60% di copertura
vodafone : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: lorenz farshy1971
ultima revisione: 26/06/17

località partenza: Lago di Orgiails (Vinadio , CN )

bibliografia: Montagne D'oc- Alpi del sole

vedi anche: cuneoclimbing.it

accesso:
Si sale verso il colle della Lombarda e si parcheggia in corrispondenza di un tornante 500 m prima del lago di Orgials (cartello segnaletico "Laghi d'Avers").
Un sentiero ben segnato permette di raggiungere un colletto ad est della Rocca di San Giovanni; ci si trova di fronte alla parete S-O della Testa Gias dei Laghi, che si raggiunge traversando a mezza costa su pendii detritici (45 minuti dall'auto).

note tecniche:
Via classica dalla roccia buona, spesso lichenata.
Spit sulla via (4-5 per tiro, ben posizionati). Soste con 2 spit.
Utili qualche friends medio / piccolo.
Essendo una via di montagna prestare la dovuta attenzione ai massi instabili.
Alla partenza dell'ultimo tiro si trova sotto la bella fessura sul lato sx del muretto un friends incastrato ancora utilizzabile.

descrizione itinerario:
Attacco: alla base di un evidente canale che solca la parete nella sua parte sinistra.

1° Tiro facili placche a sinistra del canale, poi traversare nella conca a destra fino alla cengia 3° 55mt. Sosta 2 spit
2° Tiro trasferimento su cengia erbosa esposto, fino al canalone dove parte lo spigolo SO vero e proprio 55/60 mt. Sosta con catena
3° Tiro salire verso lo spigolo e continuare per placche 4° 55 mt. Sosta con catena
4° Tiro salire lungo lo spigolo 4°+ 55 mt. Sosta con catena
5° Tiro salire un muretto poi traversare a destra nel camino e proseguire fino in cima 4°+ 50 mt. Sosta 2 spit
Si sbuca a pochi metri dall'antecima 2701 (vecchia croce di legno); la vetta vera e propria è quotata 2731 e si trova a circa 500 metri di distanza.

Discesa: comoda per pendii detritici e tracce di sentiero del versante meridionale fino al colle di Aver da dove si ritorna sul sentiero dell'andata.
(Relazione da cuneoclimbing.it )