Jocelme (Pic) Via Normale versante Sud

difficoltà: F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1571
quota vetta (m): 3458
dislivello complessivo (m): 1950

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: mountain
ultima revisione: 23/03/10

località partenza: Chalet Hotel du Gioberney (La Chapelle-en-Valgaudémar , 05 )

punti appoggio: Refuge du Chabournéou

cartografia: IGN 3437ET Orcières Merlette

bibliografia: Sommets des Écrins - Les plus belles courses faciles

accesso:
Briancon, Gap (oppure Briancon, Col du Galibier, La Grave, Bourg d'Oisans, Col d'Ornon, La Mure) St. Firmin, La Chapelle en Valgaudemar, Ch. Hot. Gioberney.

note tecniche:
Itinerario facile da effettuarsi tassativamente a inizio stagione per trovare la parte alta, in tarda estate ormai completamente in sfasciumi, ancora completamente innevata.

descrizione itinerario:
1°giorno: dal parcheggio (piazzole a lato strada) attraversare il torrente e seguire il "Sentier du Ministre" con un lungo mezzacosta quindi salendo una rampa con diversi tornanti si giunge al dosso ove è situato il rifugio Chambournéou (ore 1,45); (www.chabourneou.fr)
2°giorno: seguire il sentiero a monte del rifugio fino ad un dosso, abbassarsi leggermente ed attraversare il torrente su una passerella e risalire l'erboso versante opposto con una lunga serie di tornanti, quindi attraversare a mezza costa a dx il pendio, superare una serie di dossi morenici e barre rocciose montonate, fino a giungere alla conca del ghiacciaio di Surette. Salire a sx ed imboccare un couloir (35° lungh. 100 m ca.) e giungere sulla conca dell'ormai estinto ghiacciaio di Jocelme; salire fino al pendio finale; questo può essere salito lungo il nevaio (ripido m. 100 c.a) che porta ad una sella e da questa a dx in facile arrampicata su roccia scadente si giunge in vetta, oppure salire direttamente su sfasciumi o neve la cresta a destra del nevaio (ore 4,30 dal rifugio).
Qualora il couloir non fosse più in buone condizioni (interrotto e pietre sospese sulla gobba glaciale soprastante) si può salire tenendosi una cinquantina di m a destra del couloir in prossimità di una cascatella e seguire una serie di cenge poste nel salto di rocce alquanto arrotondate (a fianco canale sono presenti 4 spit per assicurarsi); questo itinerario è più sicuro dalla caduta di pietre in quanto è protetto da una sponda morenica soprastante.
In stagioni con abbondante innevamento è possibile seguire il percorso scialpinistico che, anzichè attraversare la passerella, risale il vallone lungo in canalone principale (ripido, solo se il rio è completamente coperto).

altre annotazioni:
All'inizio della primavera questa è una splendida gita di sci alpinismo; di solito la strada è innevata poco dopo le Case Le Casset; non si sale verso il Ch. Hot. Gioberney ma dalla strada ci si abbassa verso il torrente ove si trova il Rifugio Xavier Blanc e con innevamento permettendo si fa la discesa dalla vetta; occorrono naturalmente condizioni sicure; partire molto presto al mattino data l'esposizione.