Zuccaro (Monte) anello dall'Alpe Cardello

difficoltà: MR   [scala difficoltà]
esposizione: Varie
quota partenza (m): 873
quota vetta/quota massima (m): 1338
dislivello totale (m): 500

copertura rete mobile
tim : 100% di copertura

contributors: giuliano
ultima revisione: 08/12/08

località partenza: Alpe Cardello (Germagno , VB )

punti appoggio: Alpe Colla

note tecniche:
Il Monte Zuccaro è la modesta elevazione che sovrasta il nucleo di baite ristrutturate dell'Alpe Quaggione, posto in splendida posizione sui Laghi Maggiore e d'Orta. In presenza di forti nevicate può diventare l'interessante meta di una gita tecnicamente molto facile ma estremamante remunerativa dal punto di vista panoramico. Volendo ridurre il giro ad una brevissima sgambata, si può giungere all'Alpe Quaggione percorrendo sino al termine la strada che parte da Germagno (solitamente viene pulita). Viceversa chi vorrà utilizzare il giro come allenamento partirà da Casale Corte Cerro, ove termina usualmente in inverno la percorribilità per le auto normali della strada che sale da questo centro.

descrizione itinerario:
Da Germagno si percorre la strada per l'Alpe Quaggione parcheggiando poco sopra l'Alpe Cardello (piazzola usualmente lasciata pulita dallo spazzaneve). Si segue le indicazioni "sentiero numero 4" e con lungo traverso nel bosco si raggiunge il bivio per l'Alpe Ruso. Si sale brevemente nel bosco a incrociare la strada innevata che sale da Casale Corte Cerro. La si segue (qualche possibile scorciatoia segnalata) fino all'Alpe Quaggione, sbucando nei pressi della chiesetta circolare. La nostra meta si raggiunge dapprima su stradina e poi sugli ultimi brevi pendii (ad un bivio si può indifferentemente andare a destra o a sinistra, in entrambi i casi si raggiunge facilmente la vetta). In discesa, tolte le ciaspole all'Alpe Quaggione, si può seguire la strada, peraltro pochissimo trafficata, oppure eventualmente, per i ciaspolari incalliti, seguire alcuni sentieri nel bosco (indicazioni) che riconducono all'Alpe Cardello.