Vitello (Corno) da Estoul per il Rifugio Arp

Vitello (Corno) da Estoul per il Rifugio Arp
La gita
diecimilapiedi
5 13.07.2019
Accesso stradale
grande parcheggio dopo Estoul a 1875 metri

Diecimilaventinove piedi. Abbinata, in discesa, al raggiungimento per cresta della punta Palasina (vedi relazione a parte) in una buona giornata di sole. Raggiunto il rifugio Arp passando a destra al bivio (5F) e poi dolcemente su ai due bei laghi di Valfredda fino all’ometto (2770 m) dove in discesa proseguiremo (3D) per cresta verso la punta Palasina; seguendo la bella e panoramica dorsale superiamo (a sinistra) il bivio 5A/5B sino a vedere la imponente parete della meta odierna….un nevaio residuo la copre ancora sopra i 2900 metri e a quest’ora (10,30) non ha purtroppo ancora preso sole, per cui è presente ghiaccio, sapientemente scalinato da Gian anche con l’aiuto di una pietra (non avevamo nè picca nè ramponi). Oltrepassato l’ostacolo non resta che seguire il sentiero sempre segnato che, ripidamente, porta in cima: panorama super.
Discesa sullo stesso itinerario fino a 2770 metri, poi 3D con bella cresta attrezzata fino a punta Palasina e quindi discesa al colle omonimo, laghi Couloir e Battaglia fino a chiudere l’anello al bivio a 2243 metri ed infine raggiungere l’auto.
Difficoltà EE, 1300 metri di dsl spalmati su 19,2 km per questo consigliabilissimo anello (antiorario): meno di quattro ore per il Vitello, meno di una e mezza per la Palasina, altre due a scendere…neanche sette ore e mezza del vostro prezioso tempo ben impiegate.
Con la compagnia di Giulia e Gian Mario.

Link copiato