Vétroz Baie d’Ha Long

Vétroz Baie d’Ha Long

Dettagli
Quota vetta/quota (m)
10
Altitudine (m)
770
Lunghezza min (m)
10
Lunghezza max (m)
25
Esposizione
Sud
Grado minimo
4
Grado massimo
al 6b

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Avvicinamento in auto:
provenendo da Aosta oltrepassare il Colle del Gran San Bernardo e scendere verso Martigny. Da qui seguire le indicazioni per Sion fino al paese di Vétroz, 22 km circa. A questo punto conviene attenersi alle indicazioni fornite nel link segnalato per non creare disturbo ai viticoltori:
http://www.montagne-loisirs.ch/sgvc/documents/Topo_V%8Etroz.pdf
(il versante dove si scala è alla vostra sinistra provenendo da Martigny ed è letteralmente ricoperto da bellissime vigne).

Avvicinamento a piedi:
per chi lascia l'auto al parcheggio superiore proseguire a piedi sulla sterrata fino a trovare sulla destra un sentiero che si inoltra nel bosco e interrotto poco oltre da una recinzione. Scavalcarla con circospezione (attenzione siamo in una proprietà privata: portare rispetto) e proseguire uscendo dal boschetto fino ad un ometto dove il sentiero a sinistra comincia a scendere ripidamente (breve tratto di roccia con catena); in 5 minuti si raggiunge il settore Baie d'Ha Long. Immediatamente sotto si trova il settore Pinède.

Periodo di arrampicata:
il versante è in pieno sole ma la base della falesia è ben protetta da alberi che garantiscono un minimo d'ombra rinfrescante; è comunque sconsigliabile d'estate. Il periodo ideale rimane la primavera e l'autunno.

Base della falesia abbastanza comoda.

Descrizione

La falesia è stata chiodata nel 2008 dalla sezione delle guide del Vallese centrale e sovrasta l’enorme tappeto di vigne che ricopre l’intero versante di Vétroz.
E’ costituita da calcare grigio a tratti interrotto da piccoli lembi di calcare arancio.
La chiodatura è didattica, ravvicinata abbastanza da permettersi certi azzardi ma non troppo da togliere il gusto di arrampicare: per intenderci non è una chiodatura cuccioli. Dunque la parete è ideale per chi comincia ad arrampicare e vuole scalare da primo.

L’arrampicata è tutta in placca e poco intuitiva. La scarsa aderenza, non determinata da roccia unta dal momento che l’apertura delle vie risale al 2008, e il calcare povero di appigli rendono la progressione lenta e riflessiva. Le maggiori difficoltà si incontrano nei primi metri più scivolosi, più in alto abbondano le prese sicure.
Una buona palestra di tecnica di piedi e posizionamento.
Da raccomandare “Un pinson dans l’eau” e “Tombouctou” due bellissime vie in fessura con tecnica dulfer.
Le uniche due vie sopra il 6a richiedono buoni serraggi di dita oltre ad una buona dose di aderenza.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Bibliografia:
http://www.montagne-loisirs.ch/sgvc/documents/Topo_V%8Etroz.pdf
obelix-falbala
03/07/2010
10 anni fa
Link copiato