Venina (Monte) Crapa del Bèch; belay on ibex skull

Venina (Monte) Crapa del Bèch; belay on ibex skull

Dettagli
Altitudine (m)
2550
Dislivello avvicinamento (m)
600
Sviluppo arrampicata (m)
215
Esposizione
Nord-Est
Grado massimo
4
Difficoltà obbligatoria
4

Località di partenza Punti d'appoggio
Rif. Longo

Avvicinamento
Dal Rifugio Longo si sale il sentiero per il Passo di Venina, o salendo alla diga del Lago del Diavolo e seguendo il pianeggiante muretto di cemento della gronda che porta in mezza costa a prendere il sentiero n.254, oppure scendendo un centinaio di metri di dislivello verso valle fino alla partenza del 254 sulla strada che sale al rifugio. Il sentiero passa a quota 2440 dai ruderi della casermetta di pattuglia della Linea Cadorna, poi sale a prendere la cresta spartiacque, ben al di sopra del Passo di Venina. Svoltando a sinistra (Ovest) si risale la cresta seguendo il sentiero, che poi attraversa in mezza costa i grandi ghiaioni sommitali di GCCS restando un poco al di sotto la vetta della Cima di Venina. Si guadagna così una conchetta detritica sotto una sella, dove anche d’estate permane una macchia nevosa. Dalla selleta si ritorna a destra per cresta verso la vetta (direzione Est) per pochi passi fino a intravedere il canalino di erba e roccette che scende verso Nord in direzione della base della parete. Si negozia la discesa con cautela tra sassi mobili e costoncini erbosi, traversando a circa metà discesa nel canalino più a destra, che più agevolmente permette di sboccare sui pendii erbosi e di ganda alla base del Pilastro Nord. Lo si aggira e si guadagna una curiosa rigola formata dalla base di GCCS della placconata ed il pendio erboso adiacente. Risalita per una ventina di metri la rigola si attacca nel punto più basso della grande placconata, a sinistra di un compatto muretto verticale.
Descrizione
L1: Si risale la placconata prima per fessurine poi in aperta parete fino a pervenire ad un
terrazzino con fessurone posto 5 metri prima del filo dello spigolo in prossimità e con bella
vista del grande tetto appuntito (40 m, III e IV, 4 friends, sosta su dadi e friends).
 
L2: Si sale allo strapiombetto fessurato soprastante (1 friend e 1 ch, lasciato), che si supera
in dulfer: si procede con grande continuità sulla placconata, negoziando le varie fessurine
che la solcano, fino ad un terrazzino con grande fessurone inciso nel granito (45 m, IV, 3
ch, 2 friends, 1 ch lasciato, sosta su friends).
 
L3: Si guadagna a destra il filo dello spigolo e lo si rimonta passando da grossi blocchi
sospesi fino ad un esposto terrazzo da cui parte una lama che adduce alla base del salto
terminale di rocce erbose: si traversa a sinistra in leggera discesa la liscia placca fino a
guadagnare un ghiaioncino posto al di sotto di una fascia strapiombante (50 m, III, sosta
su friends – belay on ibex skull).
 

L4: Un diedrino consente di aggirare a sinistra la fascia strapiombante e guadagnare un
canalino ingombro di sassi mobili (attenzione, da risalire sul margine destro) che porta
all’imbocco del diedrone finale (40 m, III, sosta su 1 ch e 1 friend).

L5: Risalire il diedrone con bella arrampicata ed uscirne a sinistra su placca fessurata a
guadagnare la cresta (40 m, III, 3 friends, sosta su spuntone).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Link:
http://nuoveviesulleorobie.blogspot.com/2020/08/via-crapa-del-bech-belay-on-ibex-skull.html
marcoser
01.08.2020
2 mesi fa

Condizioni

Link copiato