Traversata Val Lasties Val de Mesdì

Traversata Val Lasties Val de Mesdì
La gita
andrealp
4 28/02/2015
Accesso stradale
necessari pneumatici da neve o catene
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte superiore gita)
Polverosa
Neve (parte inferiore gita)
Polverosa
Quota neve m
1400
Equipaggiamento
Scialpinistica

La Val de Mesdì, ovvero la Vallee Blanche delle Dolomiti, è stata la seconda gita delle spedizione in Val di Fassa dei G.A.S.A.T.I. del CAI Chivasso. Siamo partiti dalla Val Schiavaneis in 27. Il bel tempo delle prime ore della mattinata si è rapidamente guastato inducendoci a cambiare il previsto itinerario attraverso l’Antersass con la più lunga salita del Vallone del Foss per raggiungere il rifugio Boè, sul Col Turond, a quota 2.8736. Di qui abbiamo disceso la Val de Mesdì con neve farinosa e panorami mozzafiato. Il canale iniziali piuttosto ripido non presentava particolari pericoli in quanto in perfette condizioni di innevamento anche se con qualche gobba di troppo a causa dei ripetuti passaggi. Nel tratto intermedio abbiamo trovato tratti intonsi di neve morbida e superfarinosa che hanno fatto urlare di piacere tutti i G.A.S.A.T.I. Purtroppo poi gli sci hanno urlato di dolore per le ferite alle preziose solette riportare nel ripido e stretto canale da sciare per raggiungere la stradina battuta che scende dal Passo Gardena per poi raggiungere Corvara. Troppe pietre affioranti hanno costretto a scalettare o addirittura togliere gli sci in alcuni tratti. Da menzionare infine la sontuosa merenda finale allestita vicino al pulman di Claudio con barili di birra, acciughe con ogni salsa e formaggi di tutti i tipi per rifocillare i G.A.S.A.T.I. dopo questa gita impegnativa per la lunghezza del percorso di salita e le difficoltà tecniche della discesa.

Link copiato