Schilthorn da Engiloch per il Vallone di Sirwolte

Schilthorn da Engiloch per il Vallone di Sirwolte
La gita
ste_6962
5 10.12.2016
Accesso stradale
nessun problema e strade perfettamente agibili
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte superiore gita)
Crosta da rigelo portante
Neve (parte inferiore gita)
Crosta da rigelo portante
Quota neve m
1700

Viste le buone previsioni meteo per il weekend e avendo avuto informazioni fresche da parte di un amico che è stato in zona il giorno precedente è scattata immediatamente l’idea di tornare al Sempione….dove qualche bella cima da salire mi è ancora rimasta! Coinvolti altri 7 amici che hanno prontamente accolto la mia proposta, siamo partiti belli carichi di entusiasmo come sempre! Ci siamo incamminati da Engeloch alle 8.40 e calzando subito le ciaspole, trovando neve già dal parcheggio. La giornata si presentava decisamente bene, cielo sereno e visibilità ottima, e, aspetto non secondario, neve compatta e portante già dal pianoro di Chlusmatte, superato il pianoro ci siamo ritrovati sui pendii che portano al primo passaggio chiave della salita, seguendo un pistone autostradale tracciato da non meno di un centinaio di scialpinisti e altri ciaspolatori, passati sia in mattinata che nei giorni scorsi. Superati senza problemi i pendii iniziali, anche il canalino sopra la cascata era in neve dura e compatta, quasi da ramponi, noi siamo riusciti a salirlo con le ciaspole ai piedi. Una breve pausa nel pianoro di Wyssbode e poi abbiamo ripreso la salita nella breve valletta che porta nella conca dei laghi di Sirwolte (luogo davvero incantevole, con la imponente mole del Boshorn a dominare la scena!) risaliti i pendii (sempre su neve dura e portante) fino alla base del salto roccioso con il traverso (secondo punto chiave di questa piacevole salita). Qui, abbiamo deciso di salire utilizzando piccozza e ramponi, trovando un pò di neve accumulata dal vento dei giorni scorsi su fondo duro, seguendo la traccia fatta da alcuni scialpinisti e con un pò di attenzione abbiamo superato l’ostacolo. La valletta superiore, con neve nuovamente compatta (e salita di nuovo con le ciaspole ai piedi) non ha riservato alcun problema, e anche la breve cresta sommitale (altro tratto piuttosto divertente) era su neve buona. Noi siamo saliti in circa 4 ore da Engeloch, ma con alcune soste e con un passo normale, senza correre. Ci siamo trattenuti circa 1 ora in cima per goderci l’ambiente, un panorama da favola, per la pausa pranzo e per i soliti servizi fotografici. In discesa la neve ha retto decisamente bene, e non ci sono stati problemi (mai sprofondati), e nel giro di 3 orette siamo ritornati a Engeloch. Gran bella gita, di grande soddisfazione per tutti i partecipanti, siamo stati ampiamente ripagati della scelta fatta! Uscita da 5 stelle piene!!! Oggi, oltre a noi erano presenti almeno 40 scialpinisti (una parte saliti da Egga) e nessun altro ciaspolatore. Mentre il Galehorn era letteralmente preso d’assalto da più 100 scialpinisti, viste alcune persone anche sul sottostante Wyssbodehorn e diversi scialpinisti al Magehorn.

Uscita del Gruppo Camosci del CAI Ligure di Genova organizzata dal sottoscritto, con 6 partecipanti : Fabiano, Maria Carla, Anna Maria, Alessandro, Luca, Giuliana. Compagnia speciale e di grande livello come sempre! Un caro saluto e grazie a tutti! Una gita molto bella e una giornata sulle nevi del Sempione ben spesa direi! La Val Divedro è sempre una garanzia per farsi delle belle gite, ci sono tante mete veramente piacevoli che meritano di essere tenute in considerazione! Quando farete un salto da queste parti…fateci sopra un pensierino!

Link copiato