Reixa (Monte) da Fiorino, anello

Reixa (Monte) da Fiorino, anello

Dettagli
Dislivello (m)
1000
Quota partenza (m)
240
Quota vetta/quota (m)
1184
Esposizione
Varie
Grado
EE
Sentiero tipo, n°, segnavia
Rombo rosso , AVML

Località di partenza Punti d'appoggio
Ristorante " La nuvola sul mare " al Passo del Faiallo .

Note
Bel percorso ad anello in una valle molto selvaggia a pochissimi chilometri dal mare . Segnaletica spesso assente o stinta .
Avvicinamento
Si arriva a Fiorino da Genova Voltri , risalendo la Val Cerusa sulla stretta Strada Provinciale . Piccoli parcheggi vicino al cimitero o alla chiesa .
Descrizione

Dal cimitero di Fiorino ( 240 m.) inizia una stradina in salita (chiusa con sbarra) che conduce a Case Soggi (465 m. – fontana). Sono oltre 2 km di asfalto , ma 300 m. dopo la sbarra a sinistra inizia un sentiero a zigzag nel bosco (non segnato) che conduce rapidamente alla borgata. Superata l’ ultima casa si oltrepassano un paio si cancelli per il bestiame ed inizia il sentiero ”rombo rosso”. I segnavia sono molto stinti ma il tracciato in leggera salita è evidente. Dopo 1 km (a Pian della Biscia) si abbandona il sentiero per risalire su traccia a sinistra verso la ripida dorsale del Bric Riundo.

Anche se la traccia non è sempre evidente, vari ometti di pietre aiutano a trovare la via , che comunque punta faticosamente verso il roccioso crinale e poi lo segue toccando la croce del Monte Scarcella e dopo il Bric Riundo (978 m. ). Proseguendo la salita , ora sempre più evidente e meno ripida, si arriva a San Giocchin, sul crinale del Faiallo . Ci si innesta sull’ Alta Via verso sinistra e si raggiungono velocemente l’ anticima e poi la cima del Monte Reixa (1184 m.) .

Per il rientro si raggiunge il Passo del Faiallo e si prosegue sull’ Alta Via sino al Passo Cerusa (931 m.) , dove una bella freccia di legno indica il sentiero ” ombo rosso” che scende prima dolcemente per prati e poi molto ripidamente nei selvaggi canaloni sottostanti . Alcuni guadi  qualche rudere lungo il sentiero che poi pianeggia seguendo il contorno delle rocciose montagne . Qualche tratto esile e abbastanza esposto consiglia di percorrerlo con attenzione. Si arriverà infine al Pian delle Bisce e poi a Case Soggi , da cui si scende verso la macchina . Essendo un percorso ad anello, ovviamente, si può percorrere in entrambe le direzioni. In tutto sono una quindicina di chilometri.

Anello alternativo:
Si parte dall’ultimo tornante prima di Sambuco, poco dopo il ponte sul Rio Secco (q.319 m, piccola piazzola sull’esterno della curva, cartello del Parco del Beigua sul Canyoning nel Rio Secco, coord. Google Maps 44.459903, 8.700683). Qui inizia un sentiero che guada subito a dx il Rio Secco (ometti) e risale poi a svolte sull’opposto versante fino a raggiungere le Case Soggi presso un’edicola votiva. Da Case Soggi proseguire la salita fino in vetta al Reixa come da itinerario precedente (percorso molto bello e panoramico). Dalla vetta del Reixa si scende verso il Passo della Gava (segnavia “X rossa”) e, alla fonte “Bullu”, si va dritti (direzione Est) per la traccia non segnata che porta al Rifugio Gilwell e più in basso incrocia il sentiero FIE “due palle rosse”. Seguendo questo sentiero verso sx (Nord), si attraversa il canalone Malanotte e si risale a incrociare il sentiero “quadrato rosso vuoto” che scende a Sambuco. Poco sopra Sambuco, presso una sella, si abbandona il segnavia “quadrato rosso” per prendere una stradina verso Nord e poi per fasce erbose si scende a Case Luvega dove una sterrata scende a ricollegarsi alla strada per Sambuco poche decine di metri sopra il punto di partenza (sbarra), chiudendo così l’anello. In alternativa è ovviamente possibile raggiungere Sambuco e seguire la strada principale asfaltata fino al punto di partenza.
Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
daniele64
02/04/2021
1 settimana fa
2 settimane fa

Tracce (2)

Link copiato