Prati di Cosio (Monte dei) dal Colle di Nava, anello Nava per Poggio Pozzanghi, Bric Cornia, Poggio dell’Allodola

Prati di Cosio (Monte dei) dal Colle di Nava, anello Nava per Poggio Pozzanghi, Bric Cornia, Poggio dell’Allodola

Dettagli
Dislivello (m)
1000
Quota partenza (m)
934
Quota vetta/quota (m)
1532
Esposizione
Varie
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio
Santuario Madonna dei Cancelli

Avvicinamento
Si arriva facilmente al Colle di Nava con la Strada Statale 28 , da Imperia , Albenga e Ceva .
Note
E' un percorso ad anello , quindi può essere percorso indifferentemente nei due sensi , partendo ed arrivando a Nava . Una parte del tracciato segue l'Alta Via , poi alcune sterrate ma per raggiungere alcune cime ci sono tratti di sentiero poco o nulla segnalati . Niente di davvero difficile , ma è meglio scegliere buone giornate ed avere un po' di esperienza .
Descrizione

Se si fa il giro in senso orario , meglio parcheggiare nel grande piazzale dietro al Forte Centrale ( visitabile ). In caso contrario , consiglio di posteggiare nel piazzale davanti alla chiesetta di Nava ( 1,5 km dopo ). La descrizione è dell’anello in senso orario . Si imbocca l’Alta Via proprio di fronte al piazzalone , esattamente a fianco della Pizzeria dei Forti . Si sale nel bosco seguendo i pittogrammi biancorossi e raggiungendo il Forte Pozzanghi (1120 m.) sulle pendici del Poggio omonimo . Si prosegue sempre lungo l’AVML passando accanto al Poggio delle Forche ( 1196 m. ), già sede di una batteria militare di cui non ho trovato traccia evidente . Il sentiero affianca la sottostante Provinciale per Monesi , per poi attraversarla all’altezza del bivio per Montescio . Per evitare la sterrata si segue ancora un tratto di AV , per abbandonarla seguendo le frecce per Forte Montescio . Si arriva facilmente alla grande fortificazione ( privata ) in cima al monte omonimo ( 1419 m.) e quindi con un tratto si sentiero nel bosco si raggiunge la sterrata all’altezza di un bivio ( 1424 m.). A destra si va al Poggio dell’Allodola , noi andiamo invece dritti , arrivando dopo 1 km al Santuario della Madonna dei Cancelli ( 1440 m., area picnic e fontana ). La sterrata continua dietro la chiesetta , aggirando a destra il boscoso Monte dei Cancelli . Si riduce a sentiero , conducendo ad un punto panoramico a picco sull’alta Val Tanaro . Volendo , qui , una traccia a sinistra completa l’aggiramento e porta ad una selletta erbosa seguita da un tratto roccioso . Salendo un pochino ad occhio , si giunge sul poco panoramico Bric Cornia ( 1529 m.) . La traccia prosegue scendendo verso la Val Tanarello ma noi torniamo indietro alla Madonna dei Cancelli . Dall’area picnic un sentiero bollato di rosso ci conduce al pilastrino di vetta del Monte Prati di Cosio ( 1532 m.) e dopo , con percorso un po’ contorto da seguire con attenzione , si innesta nella sterrata per il Poggio dell’Allodola . Si giunge facilmente in cima a questo monte ( 1491 m.) ed al cocuzzolo gemello subito dopo . In zona sono spesso al lavoro i taglialegna . Chi ha ancora forze e voglia , dalla seconda cima può cercare la traccia in discesa per la più difficile cima della Rocca Pizzo ( 1401 m.), parecchio rocciosa e scoscesa . Altrimenti si imbocca un ampio sentiero ( non segnato ) a destra tra le due cime del Poggio dell’Allodola e , con percorso facile ma lungo nel bosco si scende a Nava all’inizio della valle dei Boschetti ( parco giochi ), arrivando alla Statale proprio davanti alla chiesetta .

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Il Colle di Nava , considerato strategico dagli alti comandi sabaudi , è stato pesantemente fortificato nella seconda parte dell'Ottocento . Ci sono ancora 5 fortezze tra grandi e piccole , oltre a qualche sporadico resto di piazzole per batterie , nascosto dalla vegetazione . Solo il Forte Centrale è visitabile . Il Santuario della Madonna dei Cancelli e della Neve invece era stato costruito dai contadini di Cosio che , nonostante la distanza dal paese , avevano i diritti di sfalcio di tutta questa zona , come confermato dai toponimi.
daniele64
29.08.2019
1 anno fa
Link copiato