Nera (Rocca) Parete Nera

Nera (Rocca) Parete Nera
La gita
domar
3 08/04/2017

Dopo tre anni di pausa ritorno su questa bella via di Caprie, ho lasciato Gulliver e l’arrampicata con Rocca Nera e torno a parlare di vie su questa stessa linea, che tre anni fa aveva tutt’altro sapore (non avrei certo fatto tirare tutto a Diego come è successo oggi). Partiti da Giri Orbitali, due tiri di Orione, per poi giungere all’ultimo tratto della prima parte di via ferrata. Dopo pochi minuti di sentiero abbiamo raggiunto l’attacco della nostra via. Con grande rammarico abbiamo trovato un’altra cordata da tre davanti a noi, che è scesa dopo il secondo tiro, forse preoccupata del tanto muschio presente sul tiro chiave. Visto il traffico abbiamo optato per il primo tiro di Vai a Nero per poi traversare agevolmente sul terzo tiro della Via Della Parete Nera. Effettivamente il materiale verde muschiato attraversa integralmente il tiro, ma la linea permette comunque una bella salita con qualche bel movimento. Arrivati sotto al grande tetto abbiamo affrontato il favoloso traverso, semplice e ben chiodato ma sempre estetico e con un sapore di alta montagna, l’acqua colante dalle fessure rende la salita ricca di qualche emozione in più. Nonostante il bagnato le difficoltà non aumentano in modo particolare, concatenati il traverso e l’ultimo tiro su sfasciumi vari. Una classica intramontabile che consiglio a tutti gli amanti delle vie estetiche su gradi abbastanza contenuti. Il 5c obb. 6a max mi sembra decisamente corretto.

Link copiato