Musinè (Monte) Versante Sud – Virginia

Musinè (Monte) Versante Sud – Virginia
La gita
giuliof
3 31/12/2014

La via mi è sembrata meno continua e più boscosa delle altre tre percorse in precedenza. Molti rami, rovi e tronchi rendono in alcuni tratti la salita laboriosa nei raccordi tra i vari blocchi costituiti da placche e torrioni, qualcosa abbiamo levato ma il grosso rimane. Poche sono le soste con cordino o anello, ci si arrangia al meglio con i numerosi alberi o spuntoni decidendo di volta in volta la lunghezza dei tiri ma senza esagerare perché l’attrito delle corde ben presto si fa sentire, inutile avere corde lunghe. Facile e fattibile proteggendo poco o nulla il primo troncone, ho passato solo qualche cordino qua e là. Il 90% della via si potrebbe fare slegati ma non conoscendola e volendo assicurare un socio più principiante di me, ho optato per farla tutta a tiri. Nel secondo troncone le placche diventano un pochino più ripide ma restano comode fino al tiro chiave che ho salito fino al nut incastrato senza andare oltre temendo potesse sfilarsi sotto il movimento della corda e non vedendo cosa c’era sopra. E questo dopo aver valutato una salita sulla destra ma del tutto priva di protezioni e con un po’ di lichene, scoprirò poi la presenza di un chiodo quasi sul filo della lama ma osservandola dall’alto. Mi sono quindi fatto calare dal socio anche per risparmiargli ulteriori patemi dopo che è rimasto già un po’ scosso vedendomi salire quasi tutta la via con la corda appesa al nulla. Con una doppia recupero il materiale lasciato indietro cercando di osservare ciò che non ho capito dal basso, facendo una robusta sosta con 3 fettucce sui massi che stanno dietro la scaglia. Giungiamo quindi alla fine, il contenitore del libro di via è vuoto, c’è solo la biro. Arriviamo sulla dorsale che fa quasi buio, il meteo sembra guastarsi e tira un vento gelido, si osservano piccole chiazze di neve, mentre la temperatura sul mite versante sud è stata accettabile per l’intera salita. Visto che queste vie sono state attrezzate principalmente a scopo didattico, credo sarebbe utile avere almeno uno spit nel passaggio chiave in alternativa all’uso delle protezioni veloci per chi non ne ha ancora dimestichezza. Buona per tutto il percorso la segnatura coi bolli bianchi a parte qualche tratto prima e sulla scaglia dove non si capisce bene cosa bisogna fare. Ringrazio ancora Teddy per aver attrezzato queste 4 vie che nell’insieme mi hanno dato soddisfazione. Con Marco B. (kima). Buon 2015 a Tutti.

Link copiato