Marta (Cima di) da Creppo

Marta (Cima di) da Creppo

Dettagli
Dislivello (m)
1600
Quota partenza (m)
808
Quota vetta/quota (m)
2135
Esposizione
Nord-Est
Grado
EE
Sentiero tipo, n°, segnavia
biano-rossi

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Per l'intero anello che propongo, oltre al dislivello importante, occorre una buona dose di avventura in quanto la vecchia mulattiera che discende da Borniga a Creppo risulta a tratti franata con leggera esposizione, a tratti inerbita ed invasa da vegetazione specie nella parte bassa.
La salita nella foresta di Gerbonte, (e l'eventuale discesa) non presenta nessun tipo di difficoltà.
Avvicinamento
La borgata di Creppo si raggiunge uscendo dall'autostrada ad Arma di Taggia e seguendo le indicazioni per Taggia. si risale la valle Argentina fino a Triora, continuando verso Realdo, ci si trova a Creppo dove all'inizio del paese, sulla destra si può parcheggiare.
Qui ha inizio il sentiero (palina) per il M. Gerbonte.
Descrizione

La particolarità dell’itinerario che propongo oggi sta nel fatto che si può unire in una unica gita la visita alla spettacolare foresta demaniale di Gerbonte ad una cima veramente panoramica.
Si seguono le indicazioni per M. Gerbonte perdendo circa 150 mt di quota fino ad una comoda passerella di legno sul torrente Verdeggia. Sempre senza nessuna difficoltà si comincia a salire su largo e battuto sentiero in mezzo alla macchia mediterranea a raggiungere i ruderi di case Bruzzi. Si entra nella foresta vera e propria a raggiungere la bella mulattiera militare che compiendo un ampio semicerchio nella foresta porta alla caserma della finanza dove si gode di ottima visuale sul sottostante m. Gerbonte e tutta la boscosa valle. Si continua a salire sempre agevolmente attorniati da gigantesche conifere fino alla strada militare Melosa-Garezzo che si attraversa per prati, evitando un lungo tornante fino al poco distante ramo che conduce a destra alle caserme di Marta. A questo punto 150 metri di dislivello ci separano dalla vetta e per far ciò si prosegue ancora un pochino fino alla sbarra, si abbandona la carrareccia che porta al passo di Gereon e successivamente ai balconi di Marta, per risalire per prati non troppo scoscesi fino alla vetta.
A questo punto, per i meno avventurosi non rimane che ripercorrere il sentiero dell’andata mentre negli altri casi si può compiere un anello perfetto che io ho trovato meraviglioso. Si continua dunque verso nord sullo spartiacque di confine fino ad un colletto, ci si immette sulla carrareccia, si contorna la Tete de la Nava e subito dopo si può prendere un sentierino che evita un largo giro della carrareccia per raggiungere le sottostanti visibili caserme, proseguendo ancora per poco si raggiunge così la Bassa si Sanson (palina) dove arriva la strada a tratti asfaltata che porta a Realdo.
Proprio sull’incrocio si scende la scarpata e si cerca sulla sinistra (nord) il sentiero inerbito, quindi poco visibile ma ben pulito che via via diventa più marcato che scende nel bosco, si attraversa un’ ansa dello stradone, si passa davanti ad una stalla e ci si immette per breve tratto sullo stradone a monte di Case del Pin. In corrispondenza di tali case, sulla destra si nota la bella mulattiera che arriva nella bellissima borgata di Borniga che merita un attimo di pausa. (fontana)
Scendendo tra le case, (indicazione Creppo) si prosegue sulla ben visibile mulattiera che con ampi tornanti conduce ai ruderi di Drondo Superiore dove inizia ad essere complicato non perderla. Sempre con molta attenzione si raggiunge Drondo Inferiore ed infine il meraviglioso ponte antico di Drondo dove le difficoltà finiscono e seguendo il marcato sentiero si chiude l’anello nei pressi di Creppo.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
piervi
18/05/2020
8 mesi fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 1645m 7.4Km

Piaggia

Stazione Meteo
Webcam 1320m 9.1Km

Piaggia

Webcam
Link copiato