Gallo (Cresta del) parete Nord-Ovest – via Meneghin

Gallo (Cresta del) parete Nord-Ovest – via Meneghin

Dettagli
Altitudine (m)
2050
Dislivello avvicinamento (m)
830
Sviluppo arrampicata (m)
250
Esposizione
Nord-Ovest
Grado massimo
5c

Località di partenza Punti d'appoggio
Albergo Savoia a Forni

Note
si tratta di una via di grande ambiente su roccia discreta e con difficoltà classiche da non sottovalutare.
Descrizione

L1: si attacca a sinistra di un diedro rovesciato a “L” (via Cotta) su placca poco proteggibile (5b),poi si infila un diedro a destra poco definito, al termine del quale si effettua una traversata delicata a sinistra (5a).
Ci si porta sotto uno strapiombo fessurato e lo si supera (5c): un chiodo e un nut lasciato, S1 – 1 chiodo in posto.
L2 ci si porta a destra per un diedro facile ma sporco (3c), poi su placca poco proteggibile (1 chiodo) ,sosta S2 su clessidra alla base di un grande diedro articolato.
L3 – L4: due lunghezze nel diedro con lame sporgenti e blocchi con difficoltà di 4c e 5a.; S3 su nut e friend, S4 su friend
L5: si aggira a destra un tetto che sovrasta il diedro appena percorso e lo si evita utilizzando una placca fessurata (non limata come citato erroneamente) (4c)
L6: si traversa a sinistra sopra il tetto tramite blocchi e ci si porta sul versante Nord sostando sotto una nicchia a lame (3c+)
L7: si va a sinistra e si sale una parete con fessure e lame orizzontali (4b) sostando su blocchi alla base dell’ edificio sommitale.
L8: si sale il diedro di destra con bella arrampicata (5b) e si sosta sotto un tettino, 1 chiodo in posto.
L9: traversare a sinistra e guadagnare un altro diedro chiuso in alto da un piccolo tetto; vincerlo (5b+) e con tecnica “dulfer” portarsi sotto una stele che origina un grande foro che permette di guardare verso il terzo vallone della Leitosa, S9 su clessidra
L10: superare una larga fessura e uscire su di un gradino che conduce alla piattaforma sommatale, S10 su clessidra e cordoni.

Discesa: con una doppia da 15 metri scendere sul versante Sud-Ovest e guadagnare il fondo del terzo vallone della Leitosa. Scendere al meglio fino a quando non è possibile aggirare la cresta ovest del torrione e riportarsi alla base della via.

Materiale in posto: 4 chiodi e un nut

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Isidoro Meneghin nel 1982
Cartografia:
I.G.C. N. 2
Bibliografia:
Sogno di Sea di G.C. Grassi; quaderno delle vie presso Hotel Savoia a Forno A.G.
block65
20.09.2015
5 anni fa
6 anni fa
14 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 1215m 2.6Km

Forno Alpi Graie

Stazione Meteo
Webcam 1150m 4Km

Groscavallo

Webcam
Webcam 1400m 4.7Km

Balme

Webcam
Webcam 1200m 8.9Km

Ala di Stura – paese

Webcam
Link copiato