Doubia (Monte) da Chialamberto

Doubia (Monte) da Chialamberto

Dettagli
Dislivello (m)
1612
Quota partenza (m)
851
Quota vetta/quota (m)
2463
Esposizione
Nord-Est
Difficoltà sciistica
BS
Tipologia
Altro

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Gita tipicamente invernale che esige un buon innevamento fino a bassa quota; in partenza si percorre una pista sterrata che sale a tornanti una fitta faggeta fino ad un piccolo tratto aperto nella zona Cuccetta, segue un lariceto abbastanza fitto e ripido fino allo scavalco della costiera del Colle Crosiasse e da quel punto si percorrono ottimi pendii sciistici in parte sostenuti. Ottimo panorama su tutta la pianura e le vette dell’alta valle.
Avvicinamento
Lanzo, Germagnano, Pessinetto, bivio a destra per la Val Grande, passare Cantoira e arrivare fino all’abitato di Chialamberto, superarlo ed al termine, se percorribile, prendere a sinistra per Via Pratolungo e superare il ponte sulla Stura di Valgrande fino a raggiungere l’area pattinaggio, altrimenti parcheggiare un po’ prima nelle piazzole dell’abitato.
Descrizione

Salire lungo il campetto di sci (ex skilift) e raggiungere il primo tornante ad est della sterrata e lungo questa o con eventuali scorciatoie dove appare possibile, superare la faggeta e raggiungere l’Alpe Cuccetta, con tre piccole baite affiancate, m. 1.413.
Salire nel lariceto soprastante evitando le zone con presenza di cespugli; nella parte alta la vegetazione si dirada un po’ ed il pendio diviene più ripido e si giunge sulla panoramica dorsale un po’ a destra (Ovest) del Colle Crosiasse m. 1800 circa.
Deviare a destra (Ovest) seguendo il filo di una pronunciata dorsale con alcuni dossi fino a pervenire nei pressi della base della cresta che diviene sempre più ripida; attraversare verso sinistra aggirando alcune rocce per superare un pendio abbastanza sostenuto, segue una piccola costola da risalire, un altro pendio canale, un’altra nervatura fino ad una piccola conca. Lungo tutto questo traverso assai scosceso, sono necessarie assolute condizioni di stabilità dei pendii, avendo tutto quel versante expo est; consigliabili eventualmente i ramponi nella parte più ripida. Dalla conca alta, segue l’aggiramento di un roccione a sinistra poi una breve salita sulla crestina ripida fino in vetta.

La discesa si svolge sull’itinerario di salita; prestare attenzione alla stabilità dei pendii sotto la vetta in caso di neve non bene assestata, dopodiché non presenta più particolari difficoltà; con buon innevamento si può tagliare a piacimento per il bosco della faggeta, attraversando ripetutamente la stradina per poi seguirla fino al campetto ed alla partenza.
Variante alta se in buone condizioni. Dalla vetta scendere nella prima conca poi imboccare sulla destra un bel canale sostenuto che scende nel vallone di Crosiasse, percorrerlo fino a valutare di poter ancora raggiungere verso sinistra lo scavalco al Colle Crosiasse.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Bibliografia:
G.Bezze, P.L.Mussa, E.Sesia. CDA. Valli di Lanzo, Tesso e Malone. N°64
mountain
09/01/2021
1 settimana fa
6 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
19 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 1200m 6.4Km

Ala di Stura – paese

Webcam
Webcam 1150m 9.2Km

Groscavallo

Webcam
Webcam 650m 9.8Km

Mezzenile – paese

Webcam
Link copiato