De Cessole (Cima, Punta Est) Victor le Cador

De Cessole (Cima, Punta Est) Victor le Cador

Dettagli
Altitudine (m)
2500
Dislivello avvicinamento (m)
800
Sviluppo arrampicata (m)
500
Esposizione
Sud
Grado massimo
6b+

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Remondino

Note
Ultimissima creazione di Monsieur Gabarrou, instancabile valorizzatore di pareti dimenticate negli angoli più belli delle "nostre" Marittime. Roccia bella, a tratti un po' di lichene ma che non dà fastidio. Ambiente solare e rilassante. L'arrivo in cima e la discesa un pò alpinistica rendono questa salita molto appagante.
Descrizione

Dal Rifugio Remondino attraversare orizzontalmente verso l’evidente parete. Si rimonta brevemente la pietraia, puntando ad un diedro-canale, quasi nel punto più basso della parete. Primo spit visibile ad una quindicina di metri, su di una placca compatta striata di nero, al di sopra di un facile risalto. Otto tiri, tutti da 50m, qualcuno anche un po’ di più.
Itinerario:
1) Placca non banale, quindi strapiombino e diedrino tecnico, 6b+.
2) Divertenti risalti. 4b
3) Altri risalti con placche e piccoli camini, 5b
4) Tiro divertente su roccia bella, una successione di facili tettini, 4c. Non fermarsi alla sosta, ma traversare 10m a dx, 2 spit da collegare.
5) Tiro molto divertente. Muretto strapiombante a dx della sosta, poi più facile, 6a+.
6)Partenza in placca, poi muretto verticale a dx, 5b.
6.1) Traversare 20m a sx (facile)
7) Placca, poi diedro, 5c.
8) Facili risalti, 4a.
Altri 100m di facile arrampicata portano in vetta.
Discesa
1)Dalla sosta 8 si può scendere in doppia, (8 da 50m, corde da 60m consigliate),
2)oppure (consigliato)dalla cima scendere per la cresta est per una cinquantina di metri, fino ad un intaglio, dove è posta (evidente) l’ultima sosta di “Adrien” (due spit più cordone e anello di calata).
ci si cala su questa via (6 doppie)
2.1) oppure due doppie di “Adrien”, poi cengia erbosa a dx, quindi un tratto di canale. Dove questo si fa più ripido, deviare a sx e con un traverso andare a prendere la pietraia che porta alla base della parete (opzione più veloce). Costeggiare quindi in discesa la parete verso ovest, risalire per un breve tratto e raggiungere gli zaini.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
mastroricu
02.08.2008
12 anni fa
13 anni fa

Condizioni

Link copiato