Culour (Punta) da Prazzo, giro

Culour (Punta) da Prazzo, giro
La gita
andrea81
5 10/06/2017
Equipaggiamento
Front-suspended

Partito da Macra, per allungare un po’. Raggiunto Acceglio le dure rampe per Villar e poi le durissime rampe per Lausetto-Colombata, sempre su asfalto. Dopo per fortuna spiana un po’ fino al ponte dove si devia a destra salendo la strada sterrata in ottime condizioni che porterà nel versante verso Punta Culour. Le prime rampe anche qui sono molto dure, poi diventa molto più piacevole e mai troppo dura, toccando i vari gruppi di baite, ultime le Grange Serri Soprane, dove termina la strada. Qui ho continuato lungo il sentiero occitano, inizialmente ripido per lo spintage, poi a mezza costa più dolce fino al Colletto Sarasin. Da questo ho lasciato la bici e in breve ho raggiunto la Punta Colour. Da segnalare che circa 100 m sotto, su uno sperone dove di nota una croce e una tavola d’orientamento c’è un libro di vetta che riporta questa come la Punta Culour, ma non è così.
In discesa sono rientrato dalla via di salita perchè raggiunto il bivio con il vallone Traversiera, mi sono spinto fino alla Cappella Madonna delle Grazie aggiungendo circa 300 m di dislivello, anche qui la neve è un lontano ricordo.
Ridisceso a Villar, sono ancora salito un po’ affaticato fino a Chiappera.
Attualmente la gita, specialmente in giornate terse come oggi, offre colori e panorami pazzeschi, le fioriture sono ormai al top.
Stranamente eccetto altri due biker, non ho incontrato nessuno. Non ci sono ancora gli animali al pascolo negli alpeggi di queste zone. Giornata molto calda ma con piacevole e fresca brezza.

Link copiato