Corne Rousse dalla Grand Croix

Corne Rousse dalla Grand Croix

Dettagli
Dislivello (m)
830
Quota partenza (m)
1877
Quota vetta/quota (m)
2708
Esposizione
Nord
Grado
EE/F
Sentiero tipo, n°, segnavia
strada militare, poi vaghe tracce

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Dalla Val di Susa si raggiunge Susa, quindi si percorre la SS25 del Moncenisio fino al piazzale della Grand Croix (dietro la dogana francese). Volendo si può proseguire lungo la sterrata che a destra sale sul barrage della diga, lo si attraversa e si posteggia sotto al Forte Varisello.
Note
Cima poco conosciuta, che passa quasi inosservata mentre si sale al Forte Malamot, e che separa due valloni, quello che parte dal Piano San Nicolao e quello appunto dove si trova la strada militare per il Malamot.
Valido come gita a sè stante (breve) oppure concatenandola al Malamot.
Il tratto finale, una cresta di rocce rotte un po' aerea, richiede cautela.
Descrizione

Dal piazzale della Grand Croix, sotto la diga del Moncenisio, si segue la sterrata che si inoltra verso il barrage, individuando a sinistra la deviazione (stradina o sentiero) che rapidamente porta al piazzale sottostante il Forte Variselle. Si continua a sinistra, seguendo indicazioni per il giro del lago e Forte Malamot, e al successivo trivio si continua sulla strada centrale, dove una sbarra vieta il transito ai veicoli. La strada militare va seguita inizialmente senza possibilità di scorciatoie per la prima serie di tornanti, poi quando il vallone si allarga si individua il sentiero che permette di tagliare i tornanti. Raggiunto un tornante a sinistra a circa 2450 m (bisogna andare a occhio perchè non ci sono punti di riferimento) quando sulla sinistra si nota un altopiano erboso alla base delle pendici delle Corne Rousse, si abbandona la strada e tramite una esile traccia (o comunque a vista) si traversa con qualche breve saliscendi fino a raggiungere la suddetta conca erbosa (acquitrinosa a inizio stagione). Qui si affronta il ripido pendio di erba (ci sono anche alcuni ometti), che con un po’ di fatica ma rapidamente porta alla sella erbosa tra i due corni, a sinistra il più basso 2582 m, che da sopra è un semplice ripiano erboso con pareti che precipitano nel versante nord.
Per la cima invece, si prosegue a destra in direzione sud, percorrendo l’ampio crestone di erba e scisti, mantenendosi poi sul versante della strada militare quando la cresta diventa più stretta, fino a raggiungere un piccolo pianoro con cartello in legno indicante la Courne Rousse. Da qui inizia il breve tratto un po’ più impegnativo (da cui difficoltà EE/F). Si segue in piano la crestina rocciosa per portarsi alla base del piccolo torrione che costituisce la vera cima. Facendo attenzione all’esposizione abbastanza marcata, si sale per gradoni rocciosi sporchi di detrito fino alla sommità.
Discesa dallo stesso itinerario oppure si può proseguire per il Malamot.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Fraternali 1:25000 n.3 Val Susa, Val Cenischia, Rocciamelone, Val Chisone
andrea81
23.08.2016
4 anni fa

Condizioni

Link copiato