Corna Camozzera da Carevi Alti per la Passata

Corna Camozzera da Carevi Alti per la Passata

Dettagli
Dislivello (m)
762
Quota partenza (m)
690
Quota vetta/quota (m)
1452
Esposizione
Nord-Ovest
Grado
EE
Sentiero tipo, n°, segnavia
575, 588

Località di partenza Punti d'appoggio
nessuno

Note
La Corna Camozzera si raggiunge solitamente dal Pertus passando per il Monte Ocone e scendendo dall'itinerario quì descritto verso la Passata, per poi rientrare con percorso ad anello al Pertus attraverso il sentiero 571.
Invece, questo itinerario rappresenta il modo più diretto per raggiungere questa cima, ideale se si ha poco tempo a disposizione, ma valido anche come itinerario a sè.
In circa 3Km di sviluppo si superano 800m di dislivello.
Avvicinamento
Autostrada A4, uscita Dalmine, seguire le indicazioni per Valle Brembana / Valle Imagna fino ad Almè, quindi imboccare la strada per la Valle Imagna.
Raggiunto il capoluogo della Valle Imagna, Sant’Omobono Terme, seguire le indicazioni per Valsecca. Dopo avere superato la chiesa di Valsecca, prendere via Carevi fino al termine, possibilità di parcheggio.
Descrizione

Dal parcheggio prendere la strada sterrata (sentiero CAI n. 575, indicazioni per la Passata) che con una buona pendenza attraversa alcuni pascoli e porta al limite del bosco. Seguire la strada fino al termine e poi prendere il sentiero che sale bello ripido nel bosco fino a incrociare il sentiero proveniente da Brumano (quota 1.150 m.s.l.m., ignorare le indicazioni per il Canèc). Da qui, volgere in direzione Ovest fino al valico della Passata (1.244 m.s.l.m., circa 1:00h dalla partenza).
Alla Passata si trova il caratteristico cippo in pietra che indica quello che una volta era il confine tra la Repubblica Veneta e lo Stato di Milano.
Per proseguire verso la Camozzera, alla Passata bisogna ignorare sia il sentiero che prosegue verso il Rifugio Monzesi, sia il sentiero n. 571 per il Pertus, si deve salire sopra il muro in sassi che si trova dietro il cippo in pietra e attraversare il bosco in direzione Sud, fino in prossimità di alcune panche in legno e di una costruzione in muratura. Superata la costruzione in muratura si individuano i segnavia bianco rossi e il sentiero che sale ripidamente nel bosco (segnavia CAI n. 588). Dopo un caratteristico passaggio tra le rocce, il sentiero sbuca in prossimità della cresta settentrionale della Corna Camozzera, che, con giornate limpide, regala un ottimo panorama sulla pianura e oltre. Il sentiero segue la cresta, talvolta direttamente, talvolta appoggiando sul lato bergamasco o lecchese, e con alcuni passaggi che necessitano dell’aiuto delle mani per superare alcune rocce. Giunti in prossimità della Vetta principale, riconoscibile dalla presenza di un ometto in sassi (con bandiera), abbandonare il sentiero 588 e prendere a destra il sentiero che guadagna il ripido pendio e la vetta della Corna Camozzera (1.452 m.s.l.m., circa 1:00h dalla Passata)

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Kompass 105: “Lecco - Valle Brembana”; Ingenia: “Alta Valle Imagna – Resegone”
ghizlo
06/06/2020
Link copiato