Cateissard Falchi Penne e Croci

Cateissard Falchi Penne e Croci

Dettagli
Quota vetta/quota (m)
20
Altitudine (m)
1000
Lunghezza min (m)
20
Lunghezza max (m)
28
Esposizione
Sud
Grado minimo
dal 6c
Grado massimo
al 7b

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Si raggiunge Bussoleno per la statale che porta a Susa o più velocemente con l’autostrada del Frejus uscendo a Chianocco.
Da Bussoleno si oltrepassa la ferrovia e si prende la strada che va a Falcemagna, prima asfaltata poi sterrata. Prima di arrivare a Falcemagna si prende a sinistra la deviazione per case Trucco e si lascia l’auto.

Attenzione! c’è pochissimo posto, parcheggiare lasciando la possibilità di invertire la marcia. Da qui con un sentiero in falso piano, molto panoramico, si risale la valle e si arriva ad un cippo tondo con indicazioni delle vette.
Dal cippo per Falchi Penne e Croci conviene proseguire in piano e si prende un sentiero che taglia a mezza costa il versante ovest , più veloce e meno faticoso. In caso di neve potrebbe non essere agibile e quindi dal cippo si risale il sentiero del Cateissard verso la vetta fino ad un ometto da dove si scende in breve alla parete. 30 minuti dall’auto.
Note
Falesia posta su di una cengia. Tiri di muro che si impennano anche con pronunciati strapiombi. Il luogo è per esperti in quanto occorre sempre stare assicurati con una longe. Casco obbligatorio . Il luogo è spettacolare sembra di scalare su una grande parete dolomitica.
Descrizione

1) Falcon flight 25m 7b
2) Innominata 20m 7a
3) Duran Duran 20m 6c
4) Lorenzo 28m 7a+
5) Penne e croci 25m 7a+
6) Fata Morgana 24 m 7b
7) Ceres 28m 7b+

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Nella primavera/estate 2016 Marco Croce aiutato da Fabrizio Pennicino detto «Penna» ha ideato, disgaggiato e chiodato questa bella falesia sospesa che ricorda un tratto di parete dolomitica, i tiri iniziano da una cengia a 50 metri di altezza.
Ogni lunghezza ha la sua sosta di partenza e la piccola ferrata permette di arrivare assicurati alla base dei tiri.
Il luogo è alpinistico o comunque per falesisti esperti, abituati a muoversi in parete sempre assicurati con una longe.
Casco obbligatorio ! E mai sotto la linea di chi scala.
I tiri 1,4 e 7 sono stati liberati da Carlo Giuliberti, i tiri 2,3,5,6 da Andrea Giorda.
orcovalley
17.11.2016

Condizioni

Link copiato