Castore traversata NO-SE

Castore traversata NO-SE
La gita
marcestonex
4 18/07/2022
Accesso stradale
Parcheggio gratuito obbligato 1km prima di Saint Jaques

Giorno 1: nulla da segnalare se non l’interminabilità dei 1700 mt di dislivello dal paese sino al Rifugio Guide d’Ayas, percorso in 4.30h + 30 min di sosta al Mezzalama.
Giorno 2: partiti per primi alle 3.30 dal Rifugio per salire sia Polluce che Castore; in 1h circa di percorso glaciale (seguire la traccia con testa, i creppi si aprono talmente velocemente che non è detto che dove passavano il giorno prima si possa passare il giorno dopo, in ogni caso tenere sempre la sinistra) raggiunto il Colle tra i Gemelli e ivi ritornati dopo 4h in quanto al buio e non conoscendo la strada abbiamo mancato l’accesso alla cresta e ci siamo ritrovati su terreno delicatissimo dove abbiano dovuto perdere almeno 1.30h per uscirne indenni. Partiti dal Colle alle 8.30 ed arrivati in vetta al Castore alle 10 dopo 1.30h, tempo facilitato dalla traccia che è ancora quella praticamente verticale del trofeo Mezzalama della scorsa settimana. Enorme crepaccio 10 metri prima di arrivare in cresta, oggi siamo passati sull’unico esilissimo ponte possibile per miracolo, se non attrezzato qualcosa per poter passare dubito che già domani sia ancora fattibile. Cresta nel complesso buona e a tratti esposta, molto bella. Discesa a Saint Jaques (tra l’altro mai segnalata da paline o chi per esse) passando dal Sella calda ed eterna, 5h dalla Vetta per essere alle macchine alle 15.30 dopo 12h di traversata e 2 4000 in saccoccia. Anche in discesa, occhio alla traccia che passa su crepacci sempre più aperti e grossi, spesso bisogna deviare dalla traccia del giorno prima perché troppo pericolosa.
Con Franci

Nota personale sul Rifugio Guide d’Ayas, uno dei migliori in assoluto dove sia mai stato: personale cordiale e competente, cibo buono, letti comodi e prezzi onesti, davvero top

Link copiato