Bourel (Monte) e Monte Merqua da San Lorenzo

Bourel (Monte) e Monte Merqua da San Lorenzo

Dettagli
Dislivello (m)
1612
Quota partenza (m)
852
Quota vetta/quota (m)
2464
Esposizione
Nord
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Provenendo da Valdieri e tralasciata la deviazione per Desertetto sulla destra, si può lasciare l'auto in un ampio spiazzo a sinistra della statale che porta alle Terme di Valdieri, proprio davanti all'imbocco di inizio dell'itinerario.
Note
Itinerario altamente panoramico prevalentemente nella seconda parte che si snoda sullo spartiacque della Valle Stura e la Valle Gesso, in particolare la Valle della Meris.
Descrizione

Dalla statale per le Terme di Valdieri si imbocca (segnaletiche presenti) un bel sentiero sterrato in direzione San Bernardo di Desertetto e Colle dell’Arpione. Usciti sulla strada asfaltata che porta verso San Bernardo, si prosegue per un lunga mulattiera sterrata sufficientemente larga anche al passaggio di automobili. Passati Tetto Frè e Tetto Borghignon, con solo pochi brevi tratti di dura salita, si imbocca la deviazione a destra con opportuna palina che conduce al Colle dell’Arpione. La mulattiera si trasforma in sentiero stretto, ma non difficile, permettendo di raggiungere la distesa pianeggiante che precede la dura ma breve salita fino ai 1761 m del colle. Da qui, svoltando a sinistra e sorpassata sempre a sinistra la casa dei guardiani del Parco, si segue il dosso spartiacque che, dopo ripidi pendii, permette di vedere a sinistra in basso la Valle della Meris e a destra la Valle Stura. Con percorso evidente in cresta (sempre se in assenza di nebbia) a volte pietroso ed orientandosi anche con i cartelli del Parco Naturale delle Alpi Marittime si arriva all’ampissima vetta, dove sorge il bivacco Sergio Groppo e una campana in memoria di Don Frenk. In caso di cielo sereno è bellissima la visuale verso il Colle di Marchiana, la Cima Ventabren, il Canalone di Lourousa, il lago Sottano della Sella. Per la discesa si può seguire lo stesso itinerario dell’andata con un’eventuale deviazione a destra intorno ai 2200 m che, in non molto, tempo permette di raggiungere il Monte Merqua.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
c-gianti
08/11/2015

Nelle vicinanze Mappa

5 anni fa
7 anni fa
Link copiato