Borelli – Pivano (Rifugio, Ferrata del) da Peuterey

Borelli – Pivano (Rifugio, Ferrata del) da Peuterey
La gita
giuliof
4 06/07/2013
Accesso stradale
ok, divieto di sosta lungo la strada, parcheggi 1km. più su

Posto spettacolare, giornata limpida e molto calda. Cospicui nevai ai piedi della Rouge e della Noire rendono grossi i torrenti da attraversare sotto le cascate prima del rifugio, specie al ritorno. Quindi le difficoltà principali si concentrano dopo il termine della ferrata, specie sotto l’ultima cascata, potenzialmente pericolosa per i salti sottostanti. I più premurosi si portino calze di ricambio, con gli spruzzi ci si bagna dalla vita in giù. Poco sopra l’attacco della ferrata bisogna stare attenti a non perdere la traccia, specie al ritorno. Sembra essersi mosso qualcosa nell’ultimo disgelo, ci sono blocchi di pietra col bollo giallo dove non dovrebbero stare. Ferrata facile ma non da sottovalutare, alcuni tratti possono mettere soggezione. Sarà per la catena vetusta ma solida o per le scalette, sarà per l’ambiente severo, ma a tratti sembra di essere sulle ferrate gamma al Resegone. Percorso in gran parte godibile per il contatto con la roccia, vale la pena sfruttare al massimo gli appigli senza issarsi con la catena spendendoci il tempo necessario. Rifugio bello ed in ordine. Incontrato nessuno lungo il percorso a parte qualche centinaio di persone accampate in basso per via di una festa celtica che si protrae da giorni ed ha praticamente monopolizzato la valle.

Link copiato