Bellagarda (Laghi di) da Ghiarai

Bellagarda (Laghi di) da Ghiarai

Dettagli
Dislivello (m)
780
Quota partenza (m)
1470
Quota vetta/quota (m)
2250
Esposizione
Nord
Grado
BR
Tipologia
Attraversa pendii ripidi

Località di partenza Punti d'appoggio
Nessuno

Avvicinamento
Risalire la valle Orco sino a Ceresole Reale, dopo la lunga galleria, poco prima di Ceresole, girare a sinistra per il centro sportivo e le piste di fondo, parcheggiando negli appositi spazi
Note
Bellissima gita che risale lungo il ripido sentiero nella folta pineta sino ad uscire nel pianoro superiore da dove lo sguardo si apre a 360° su una moltitudine di cime del gruppo del Gran Paradiso - Courmaron - Denti del Broglio - Becca di Monciair - Ciarforon - Gran Paradiso - Tresenta - Becchi della Tribolazione - Tre Levanne
Gita da valutare con attenzione e da effettuarsi con condizioni di neve sicure, in quanto dal pianoro di Pian Pesse in su i pendii sono molto ripidi e possono scaricare, la pineta stroncata di Pian Pesse è un esempio visibile
Descrizione

Dal parcheggio attraversare il ponte di legno e proseguire per la borgata Ghiarai fino dove la strada sterrata principale non comincia a scendere , da li proseguire lungo il sentiero nel bosco, sino ad incontrare una palina segnaletica in corrispondenza di un piccolo pianoro con un tavolo in legno, la palina indica un sentiero a destra ed uno a sinistra che entrambi portano ai laghi Bellagarda – Prendere il sentiero a destra per alpe Ciarbonera – Risalire a svolte nella folta pineta seguendo le tacche bianche e rosse dove visibili sino a raggiungere il Rio Pian Pesse che si attraversa su ponte in cemento e tubi (1681 mt), appena dopo si trova a destra l’indicazione del sentiero che scende alla diga di Ceresole, tenere il sentiero di sinistra e continuare nella pineta fino al pianoro dove c’è l’alpeggio oramai diroccato dell’alpe Pian Pesse (1871 mt), appena prima di raggiungere l’alpeggio riattraversare il torrente e passando dietro l’alpe intercettare nuovamente il ripido sentiero che a svolte al di sopra di salti di roccia (tratto da porre molta attenzione), in alternativa non attraversare il torrente e risalire il canalone a destra (in estate è una pietraia) fino a giungere al di sopra dei salti di roccia incrociando nuovamente il sentiero che ora più dolce raggiunge l’alpe Ciarbonera (2055 mt) -Punto panoramico a 360° grandioso – Risalire dietro all’alpe tenendo la destra lungo il ripido sentiero nella la rada pineta sino a raggiungere la parte superiore dove i pini diradano puntando alla sommità del cucuzzolo nevoso appena più alti del 1° lago, scendere al lago e seguendo la dorsale alla sinistra che con alcuni sali e scendi porta raggiungere tuttim i laghi di Bellagarda (1° lago a 2157 mt., ultimo lago a 2253 mt,)

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC 1:25000 Tav. 101- 103
laika58
21.03.2019
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato