Bellacomba (Monte)da Fubina, anelli per la Punta d’Aprile e il Colle della Cialmetta

Bellacomba (Monte)da Fubina, anelli per la Punta d’Aprile e il Colle della Cialmetta

Dettagli
Dislivello (m)
800
Quota partenza (m)
727
Quota vetta/quota (m)
1198
Esposizione
Tutte
Grado
EE/F
Sentiero tipo, n°, segnavia
Sentiero 135 con segni bianco/rossi per la Cialmetta - per Bellacomba e Aprile nessun segnale

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Da Lanzo percorrere la provinciale della Val di Viù fino alla frazione Fubina di Viù. Lasciare l'auto appena dopo la chiesetta. Pochi posti.
Note
Escursione in zone discretamente selvagge su lievi tracce; le creste del monte Bellacomba e della Punta d'Aprile sono percorribili senza eccessiva difficolta' facendo un minimo di attenzione . Sulle carte i sentieri per queste punte non sono segnati. Anche le varie quote sono solo indicative.
Da effettuarsi in periodi non troppo caldi. Attenzione in primavera perchè le pinete sono infestate dalla processionaria.
Bei panorami dalle punte sulla bassa valle, e sulle vette dell'alta valle dal sentiero per la Cialmetta.
Descrizione

Da Fubina seguire il bel sentiero lastricato n°135 del colle di Cialmetta; dopo aver superato Punta Losera e i 4 tornanti successivi, dove inizia un lungo traverso verso ovest, a destra si incontra un ometto molto evidente che segnala una traccia che si stacca piegando verso est.
Seguirla su moderate pendenze fino alla cresta, colletto quota 1100 m circa, denominato Colle Bellacomba .
Da qui puntare alla cresta Ovest della Punta di Aprile 1188 m, abbastanza impegnativa per la presenza di alcuni torrioni. In ogni caso conviene tenersi poco sotto la cresta sul lato Traves dopo il primo importante torrione e puntare al filo poco dopo.
Salita la punta ritornare al Colle Bellacomba e seguire al meglio la cresta fino in vetta al Monte Bellacomba 1198 m su roccette e tratti erbosi, aggirando facilmente gli ostacoli che si incontrano.
Si prosegue scendendo il pendio sud-ovest verso il colletto successivo. Qui sul lato sud parte una discreta traccia che costeggia il crinale per un tratto e poi scende con poca pendenza sempre verso ovest. Dopo una ventina di minuti si perviene (ometto) sul sentiero 135 sull’altro lato del vallone da cui si è lasciato il sentiero stesso.
Da qui si hanno due possibilità :
– ritornare a Fubina scendendo a sinistra sul sentiero
– proseguirlo verso destra con un lunghissimo traverso, superare l’incrocio dove a destra si sale al Colle Pralorenzo e quindi all’Uja di Calcante, superare una sorgente e raggiungere il colle di Cialmetta.
Da qui si può scendere a Viù per mulattiera lastricata, si può ritornare sul sentiero di andata e scendere sulla provinciale passando da Selvagnengo su discreto sentiero che parte dall’incrocio per l’Uja, oppure scendere per il sentiero di andata fino a Fubina.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Fraternali 1:25000 n.9 Basse Valli di Lanzo, Alto Canavese, La Mandria, Val Ceronda e Casternone
garbo
04.03.2020
8 mesi fa
5 anni fa
18 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 650m 6.4Km

Mezzenile – paese

Webcam
Webcam 525m 9.3Km

Lanzo Torinese

Webcam
Link copiato