Aussois (Ferrata di)

Aussois (Ferrata di)
La gita
pertinax
5 03/06/2010

Dopo aver tanto letto e udito su questo gruppo di ferrate, decidiamo di prenderci un giorno di ferie e partiamo per l’avventura. Abbiamo percorso dapprima la la montée au ciel, poi la descente aux enfers e di conseguenza la montée au purgatoire, lasciandoci le altre per prossime escursioni. In effetti, la fama delle ferrate du diable è ampiamente meritata: panorama superbo, tracciati molto aerei, mai banali, con qualche bel passaggio tecnico, specie sugli strapiombi e nella vertiginosa discesa verso la passerella “dell’inferno”, abbastanza laboriosa e assai esposta. Sicuramente da rifare. Note tecniche: il Pont du diable è stato riaperto e dunque la montée au ciel è di nuovo percorribile. Per coloro che non praticano un ferratismo “muscolare”, data la notevole (e pericolosa) lunghezza dei cavi tra un chiodo e l’altro, specie sugli strapiombi si consiglia l’uso di un rinvio lungo, da assicurare direttamente agli scalini. Nella montée au purgatoire, occhio a valutare bene la portata della cascata, accanto alla quale si arrampicherà in uno dei passaggi più emozionanti: in caso di recenti temporali si rischia una notevole doccia! Percorsa con il sempre mitico Sax, che non ama le discese, ma in compenso sugli strapiombi va come un missile.

Link copiato