Areu (Tour d’) Passant, va dire à Sparte

Areu (Tour d’) Passant, va dire à Sparte

Dettagli
Altitudine (m)
2097
Dislivello avvicinamento (m)
500
Sviluppo arrampicata (m)
200
Esposizione
Sud-Est
Grado massimo
7b+
Difficoltà obbligatoria
6b+

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Doran

Avvicinamento
In auto provenendo da Chamonix, fino a Sallanches dove si imbocca la strada denominata “Route de Doran” che conduce appunto al rifugio Doran dove si parcheggia; indispensabile il 4x4, non troppo ribassato. Diversamente si è costretti a salire a piedi fino al rifugio.
Le 6 torri sono riconoscibilissime. Si percorre un sentiero che diventa piuttosto erto lungo una piccola dorsale e in 40-45 minuti si è alla base della terza torre.
Note
Per una ripetizione sono sufficienti 11 rinvii e due corde da 60.
Doppie lungo la via e poi lungo "La nuit des loups-garous"
Descrizione

Via impegnativa che parte sul lato est della terza torre aggirando poi lo spigolo a sud all’altezza del terzo tiro.
I tiri constano di:
L1: 6c, di difficile interpretazione e duro a freddo.
L2: 7a, percorre un imbuto verticale a prese mai nette
L3: 7a+, affronta una prima sezione ben appigliata, presenta il crup su tacche nette ma piccole sul filo dello spigolo.
L4: 6c, estremamente delicato nella seconda metà.
L5: 7b+, fessurino decisamente impegnativo e senza buoni riposi.
L6: 6b, ingaggioso per il grado.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Via aperta nel 1995 da Thierry Perillat, Michel Piola e Benoit Robert
Bibliografia:
Michel Piola, “Le calcaire en folie” tome II, 1999 - Gilles Brunot “Vallée de l’Arve”, 2009
obelix-falbala
09.07.2015
5 anni fa
Link copiato