Acque Rosse, Bardoney, Cadrega (Colli) da Lillaz, giro della Torre di Lavina

Acque Rosse, Bardoney, Cadrega (Colli) da Lillaz, giro della Torre di Lavina

Dettagli
Dislivello (m)
2200
Quota partenza (m)
1617
Quota vetta/quota (m)
2947
Esposizione
Tutte
Difficoltà sciistica
BSA
Difficoltà alpinistica (se pertinente)
F
Tipologia
Pendii ampi

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Aosta - Val di Cogne - Cogne - Lillaz
Note
Giro ad anello con notevole sviluppo. Piccozza e ramponi possono essere utili. Itinerario difficilmente tracciato.
Consigliabile avere un paio di pelli di foca di riserva.
Descrizione

Da Lillaz seguire il sentiero dell’Alta Via n. 2 sin poco sotto l’ Alpe Gollies Desot. A quota 1834 m si attraversa un ponte e si segue il sentiero n.13 che attraversa un bosco passando sopra alcuni salti rocciosi. Il percorso è però agevole e conduce nel Vallone di Bardoney. 
Giunti al vallone si cambia orientamento andando verso sud. Alcuni ripiani e brevi salite conducono all’ampia conca dove, sulla destra ci sono i casolari di Bardoney 2232 m. Il percorso a questo punto è evidente. 
Si sale in lieve pendenza prima e poi sempre più accentuata fin sotto i pendii più ripidi che si risalgono sino al colle. Per evitare il salto di roccia presente sul versante piemontese del colle, è possibile valicare usando la forcella posta a ovest del colle di Bardoney. Si scende fino ai 2100 m circa prima di ripellare in direzione del colle della Cadrega.
L’ultimo tratto prima del colle è ripido e i ramponi e la piccozza possono essere utili.
Dalla forcella spostarsi leggermente a sx per elementari roccette prima di imboccare in pendio che scende verso la Valle di Campiglia. Conviene scendere un 300 m di dislivello prima di iniziare la salita al colle delle Acque Rosse. Altrimenti bisogna mettere in conto un lungo traverso su pendii ripidi.
Giunti al colle delle Acque Rosse, breve discesa ripida prima di divallare dolcemente.
Per uscire dal vallone, in base all’innevamento, può essere utile ripellare nuovamente. Da qui, in traverso verso dx si guadagna il fondo del vallone dell’Urtier e la strada che permette di chiudere l’anello.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
brusa
31.12.2016
4 anni fa

Condizioni

Link copiato