Antigine (Pizzo di) da Mondelli per la cresta SO

difficoltà: F+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1181
quota vetta (m): 3189
dislivello complessivo (m): 2050

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: emanuele_80
ultima revisione: 17/08/16

località partenza: Mondelli (Ceppo Morelli , VB )

cartografia: IGC 1:50000 n°10 - Monte Rosa Macugnaga

bibliografia: CAI-TCI Andolla-Sempione (6a/7c)

accesso:
Da Gravellona Toce percorrere la A26 sino all'uscita di Piedimulera, quindi si imbocca la SS549 della Valle Anzasca fino a Campioli, dove poco prima si stacca sulla destra la carrozzabile che in circa 3 km conduce a Mondelli.
Parcheggio all'inizio del villaggio o poco prima ai lati della strada.

note tecniche:
Cima poco attraente e poco frequentata, che però si presta ad una divertente salita per cresta con brevi passaggi di facile arrampicata. E' uno stupendo balcone sulla parete Est del Rosa e sulle cime settentrionali del massiccio: Strahlhorn, Rimpfischhorn e Allalinhorn.
La cresta presenta difficoltà alpinistiche contenute, ma che comunque comportano passaggi esposti e passi di II.
A seconda dal periodo, possono essere utili i ramponi per l'attraversamento delle lingue nevose nei pressi del Passo Mondelli.
L'avvicinamento lungo la bella e solitaria Val Mondelli non è di alcuna difficoltà ma bisogna mettere in conto il notevole dislivello.

descrizione itinerario:
Da Mondelli si passa tra le case del villaggio per uscire a monte sul sentiero che risale la ripida sponda sinistra idrografica della valle. Si lascia a destra il sentiero per l'Alpe Colla e, dopo un tratto ripido, si esce in piano all'Alpe Cortevecchio (1534 m).
Si prosegue sullo stesso lato della valle e, valicato un ruscello, si raggiunge dopo un rado bosco l'Alpe Predenon (1831 m).
Dalle baite ci si alza a destra poi, superato un ruscello, con un ampio diagonale verso sinistra si arriva al centro della valle dove scorre il Rio Mondelli. Portarsi sul pianoro soprastante e per una ripida colata di sassi ed eventuale neve residua si sale al Passo Mondelli (2839 m).
Da qui seguire i segnavia che permettono di alzarsi progressivamente in direzione N-NE. Ad un certo punto è possibile volgere a destra (E) e risalire la breve dorsale detritica che conduce sul Pizzo Mondelli (2958 m, grosso ometto).
Scendere brevemente verso NE alla depressione successiva e da qui iniziare a risalire la cresta, sempre di roccia piuttosto rotta e detritica (alcuni torrioni più ripidi si possono aggirare) fino a raggiungere una sorta di anticima a quota 3107 m.
Ancora su terreno roccioso e detritico, abbassarsi leggermente e risalire l'ultimo e meno ripido tratto di cresta che conduce alla cima del Pizzo di Antigine (3189 m, ometto).