Mondrone (Uja di) Via Asbestosi

difficoltà: ED-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Est
quota partenza (m): 1458
quota vetta (m): 2964
dislivello complessivo (m): 1500

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: teo
ultima revisione: 10/08/16

località partenza: Molera (Ala di Stura , TO )

punti appoggio: Bivacco Molino

accesso:
AVVICINAMENTO:
Seguire la strada della Val d’Ala fino a Chialambertetto, girare a dx sulla vecchia statale e tornare verso valle salendo in auto fino alla piccola frazione Molera. Parcheggiare all’ultimo tornante prima dell’abitato in prossimità circa dei cartelli indicatori che segnalano il sentiero 233 GTA.

note tecniche:
ATTREZZATURA:
La via è stata aperta con una sola serie di friend ma conviene raddoppiare le misure medie (e un n°4 BD può tornare comodo per il secondo tiro), nut, una buona scelta di chiodi (soprattutto per fare le soste).

descrizione itinerario:
Si segue il sentiero gta 233 Seguirlo fino all’Alpe le Piane (2030m), non girare a sx verso la normale dell’Uja ma proseguire in direzione del bivacco Molino, passo dell’Ometto. Giunti al Molino (2290m) continuare brevemente sul sentiero e quindi salire per la pietraia all’attacco della via, posto nella porzione sx di parete, sotto la quale passa il canalone che dà accesso alla cresta Est (ci sono bolli gialli poco visibili). Come direttrice di salita prendere la sequenza dei grandi diedri biancastri. Attacco a quota 2500m circa, 2h 30’.

La via attacca sulla dx di uno speroncino e supera nella lunghezza iniziale una serie di fessure diagonali a sx su roccia rossa, ci si trova quindi su un terrazzo da dove appare evidente un diedro nerastro solcato da una bella e larga fessura, salirlo trovandosi quindi su una seconda terrazza. Qui stando a sx del grande diedro biancastro salire un po’ a sx per poi tornare a dx sotto una serie di fessure verticali. Superarle fin dove muoiono sotto uno strapiombo, non andare verso il diedro a dx ma traversare su una cornice decisamente verso sx. La cornice che diventa rampa sale ancora ascendendo verso sx, alla base di una placca verticale. Qui si nota un chiodo della “via del ritorno”, che arriva in questo punto partendo dal basso più a sx. Salire l’evidente e invitante placca spostandosi al suo termine un po’ verso dx salendo, traversare ancora portandosi alla base di un evidente diedro-canale. Salirlo stando sulle placche di sx, caratterizzate da curiose concrezioni che sembrano quasi incollate alla parete, fino a dove si trasforma in una umida fessura nera strapiombante (questo tratto è forzatamente in comune con la “via del ritorno”). In alto a dx si nota una liscia placconata spiovente giallo-rossa (ben visibile dall’attacco), raggiungerla per un diedro aperto e quindi traversarla facilmente fino a trovarsi sulla grande terrazza detritica triangolare, invisibile però dal punto di attacco della via e posta circa a metà parete.
Traversarla salendo fin contro la placconata sovrastante. Stare per 60m sulla serie di placche a sx del canale, non difficili ma divertenti e su roccia buona (qui la ns. via, la “Alasonatti”, la “via del ritorno” e la “Ortelli-Biino” sono tutte più o meno in comune), fino all’inizio dell’evidente diedro della parte superiore di parete. Aggirare la prima parte molto strapiombante, che nasce direttamente dal canale, facendo un tiro in traverso verso dx in un diedrino (lunghezza comune alla “via del ritorno”) fino all’inizio del diedro vero e proprio. Con 3 lunghezze superare interamente il diedro biancastro e strapiombante su roccia molto marcia e caratterizzata da lastre di amianto (la “via del ritorno” passa invece sulle placche rossastre di dx, torna a sostare nel fondo del diedro e quindi ritorna a dx sulle placche nere, evitando di fatto il superamento integrale del grande diedro. Sul terrazzino della seconda sosta si trova un vecchio chiodo con cordino utilizzato probabilmente dagli apritori della “via del ritorno” per portarsi verso dx sulla placca nera). Giunti su un comodo terrazzino il proseguimento diretto appare problematico, traversare allora verso dx in leggera discesa e salire quindi su una placca nerastra fino a sostare sotto una fessura-lama nera e strapiombante. Salirla con difficile e atletica arrampicata sostando poco sopra sotto uno strapiombino. Sulla sx si nota una cornice-placca spiovente molto esposta, raggiungerla e traversare senza grosse difficoltà ma in piena esposizione fino al crestone che scende dalla vetta. Superare direttamente le belle placche rossastre che via via si fanno più facili per circa 60m. A questo punto le difficoltà terminano e in breve si perviene in vetta. Dalla base abbiamo impiegato 10h 20’. .

DISCESA:
Per la bella e segnalata normale si ritorna all’Alpe le Piane e quindi a Molera (2h circa).

NOTE:
Via nata per caso nel tentativo di ripetere la “via del ritorno”. La nuova via ha un attacco completamente indipendente e soprattutto supera integralmente il grande diedro della parte superiore, evitato dalla “via del ritorno” (con questa ha in comune alcuni inevitabili tratti). L’arrampicata, particolarmente nello strapiombante diedro superiore, è estenuante e pericolosa, si svolge su roccia da marcia a molto marcia, molto spesso superando lame di amianto puro. Le soste, seppur comode, sono sempre da allestire su chiodi discreti ma mai davvero buoni. Un vero viaggio per gli amanti del genere. Alcuni passaggi sono difficili, tipo la fessura del secondo tiro e quella strapiombante alla fine della via (gradata sul 6B), nel diedro è difficile dare un grado, gli appigli ci sono ma la qualità della roccia rende quasi impossibile una gradazione.
Il nome “asbestosi” nasce dalla massiccia presenza di amianto e dalle caratteristiche mortali di questa malattia….
Forse nel suo complesso è la via più impegnativa e pericolosa dell’Uja.

altre annotazioni:
UJA DI MONDRONE (2964m) – Parete Nord
ALPI GRAIE MERIDIONALI – VAL GRANDE DI LANZO – Fraz. Molera-1458m (TO)
Via: “Asbestosi” , ED-, max 6B
Altezza parete 470m
Nuova via aperta il 08/08/2016 da Luca e Matteo Enrico e Diego Margiotta ("Camisa").