Roseg (Piz) Canalone Marinelli

difficoltà: D   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 2000
quota vetta (m): 3937
dislivello complessivo (m): 1937

copertura rete mobile
wind : 100% di copertura

contributors: grivola
ultima revisione: 13/10/15

località partenza: Campo Moro (Lanzada , SO )

punti appoggio: Bivacco Parravicini

accesso:
Dalla diga di Campo Moro si segue il sentiero che porta prima al rifugio Marinelli e poi al Passo Marinelli Occidentale. Da qui, seguendo solo inizialmente la traccia per il rifugio Marco e Rosa, si attraversa verso ovest tutto il ghiacciaio di Scerscen Superiore in direzione del piccolo Bivacco Parravicini, visibile già da lontano sull'estremità meridionale del poco rilevato contrafforte roccioso che delimita il ghiacciaio.

note tecniche:
Salita che richiede notevole impegno fisico, vista la lunghezza dell'itinerario sia all'andata che al ritorno. L'ambiente è estremamente solitario e straordinario. Vista l'esposizione a sud, considerare attentamente le condizioni della neve ed il pericolo di caduta sassi nelle ore più calde. In caso di neve la parte rocciosa sommitale può diventare molto delicata.

descrizione itinerario:
Dal bivacco scendere sul ghiacciaio di Scerscen Superiore ed in pochi minuti raggiungere il conoide di valanga alla base del Piz Roseg. Risalirlo ove più comodo fino a giungere alla strozzatura che delimita in alto il conoide.
Da qui seguire la vistosa rigola, nel primo tratto stretta in un breve canale incassato tra le rocce, per sbucare su un nevaio molto inclinato chiuso in alto da una parete di roccia solcata da altri canali parzialmente o totalmente innevati.
Imboccare quello posto appena più a sinistra dello sbocco del canale da cui si è appena usciti e, sempre stretti tra pareti di roccia e con uno o due brevissimi salti quasi verticali, sbucare su un altro canale, ora molto ampio, che volge a destra. Seguirlo fino a dove si raddrizza per puntare poi direttamente al colletto posto sotto la cima, cercando ove possibile di fissare qualche protezione (utili friend piccoli e magari qualche chiodino, viti solo in caso di ghiaccio vivo).
Percorso tutto il canale (55°) fino al colletto che separa il Piz Roseg (a sinistra) dal Piccolo Roseg voltare decisamente fino a prendere la cresta rocciosa che, seguita più o meno fedelmente, porta in cima con arrampicata di II e III.
Per la discesa proseguire lungo la cresta rocciosa in direzione nord che conduce ad un piccolo passo che separa la cima principale dall'antecima. Raggiungere facilmente quest'ultima seguendone sul versante est il filo nevoso; scendere poi in direzione nord sull'ampio ghiacciaio spostandosi progressivamente ad ovest sino a giungere, a circa 3500 m di quota, allo sbocco di un canale, nevoso sulla parte alta ma che può presentare tratti rocciosi appena sotto. Raggiunto il comodo nevaio sottostante spostarsi lentamente verso sinistra (sud) fino ad imboccare e percorrere totalmente un altro facile canale nevoso/roccioso che porta al ghiacciaio di Sella. Risalire verso sud per circa 150 m il ghiacciaio fino al Passo Sella e, superatolo, svoltare a sinistra fino a giungere ad un altro basso colletto che reimmette sul ghiacciaio di Scerscen Superiore ricollegandosi all'itinerario del giorno precedente.