Obergabelhorn Cresta NO

difficoltà: D   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 2880
quota vetta (m): 4063
dislivello complessivo (m): 1300

copertura rete mobile
tim : 40% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Barby75
ultima revisione: 29/08/05

località partenza: Zinal (Zinal , Sierre )

punti appoggio: Cabane du Mountet

cartografia: arolla 1-50000

bibliografia: i 4000 delle alpi

note tecniche:
terzo misto e pendii sui 55°, relazioni sono quasi inesistenti per questa via è consigliata per la via di discesa la cresta nord-est sulla rothorhutte , pericoli anche di scariche di ghiaccio e pietre

descrizione itinerario:
da zinal (calcolare sulle 4 ore al rifugio) prima strada sterrata ,dopo circa 1 ora si riattraversa il ponte dove inizia il sentiero che porta alla cabane , con ripide rampe e tratti in saliscendi si aggira il monte besso per arrivare nella conca dove ci appare davanti la via di salita.
dalla cabane circa 1 ora all'attacco prendendo a dex il sentiero che porta verso il ghiacciaio sottostante ,subito ometti poi scendere delle balze rocciose ,
attraversare lingue di ghiaccio e crepacci ,
si passa a dex dell'evidente seracco sospeso ( le indicazioni sono sempre riferite con faccia a monte ) a meta' pendio un evidente canalino sulla dex ,
lo si risale e con facile arrampicata sulle balze , si esce su un tratto piu' dolce e portandosi verso il pendio risalendolo si fa' un lungo diagonale ( risalire il centro è molto sostenuto ed esposto ) puntando verso dei seracchi piu' piccoli ,
risalire a dex con un tratto piu' ripido ,continuare (attenzione alla crepaccia terminale ) sul pendio verso la fascia di roccette ,aggirarle a six (terreno misto ) si sbuca sull' esile cresta finale , da qui 400 mt alla cima ,
la cresta alterna tratti piu' sottili con ripidi pendii fino ad arrivare al tratto finale dove a seconda delle condizioni ci sono 2 possibilita':
- (pendio è 100mt ) salire diretti sempre 55° o
- attraversarlo a dex e risalire sulle roccette
TUTTI E DUE GLI ITINERARI SONO MOLTO ESPOSTI E LA QUALITA' DELLA ROCCIA è SCADENTE