Ammone (Poltrona di) Pace arrugginita

difficoltà: 6c+ / 6b obbl
esposizione arrampicata: Est
quota base arrampicata (m): 1650
sviluppo arrampicata (m): 80
dislivello avvicinamento (m): 440

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: block65
ultima revisione: 21/12/14

località partenza: Forno Alpi Graie (Groscavallo , TO )

punti appoggio: Albergo Savoia Forno Alpi Graie

cartografia: Alte Valli di Lanzo - Escursionista e Monti

bibliografia: Sogno di Sea - G.C. Grassi 1988

accesso:
Da Forno Alpi Graie imboccare la strada di servizio dell'acquedotto di Sea e abbandonarla in prossimità del Gias Le Casette. Superare le baite e rimontare al meglio (ometti) un ripido costone erboso e pietroso, tra rade betulle e ontani, mantenendosi sul margine destro idrografico di una pietraia. Continuare sul filo del costone fattosi ora più ripido e privo di vegetazione, fino a un masso gigantesco lisciato dall'erosione glaciale, che divide due canaloni: a sinistra sale il Canale dei Cacciatori, a destra si delinea il Canale del Bec Cerel. scendere nel canale di destra e seguirne l'incisione torrentizia tra massi instabili fino alla base della Parete dei Numi, dove attacca la via De Profundis (freccia scolorita). Salire a destra la ripida cengia erbosa con arbusti e in pochi minuti guadagnare anche la base della "Poltrona di Ammone", una rettangolare parete monolitica che costituisce il margine destro del complesso del Cerel. L'attacco e alla base di una placca sovrastata da un caratteristico tetto squadrato (spit vecchio e artigianale visibile; ore 1,30 da Forno)

note tecniche:
Dura scalata in placca e in fessura, su spit molto datati e talvolta non vicini

descrizione itinerario:
Salire il muro compatto e superare il tetto lungo la linea degli spit, per poi proseguire in placca fino alla terrazza erbosa e alla sosta (6b/6c+).Traversare a destra e salire un muro inciso da una fessurina guadagnando la base della fessura-camino soprastante che costituisce la seconda parte della vecchia "Fessura Equishock" (sosta). Seguirla con faticosa arrampicata fino in cima alla parete 6a + e 6b.

Discesa: a piedi verso nor fino a guadagnare la rampa che riporta alla base della via

In posto: una ventina di spitroc molto vecchi e due chiodi. Utili friend fino al 4bd