Stella (Corno) Ricordo d'Orlando

difficoltà: 6b :: 6a+ obbl ::
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
quota base arrampicata (m): 2700
sviluppo arrampicata (m): 160
dislivello avvicinamento (m): 1100

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: popeantonio
ultima revisione: 16/09/14

località partenza: Gias delle Mosche (Valdieri , CN )

punti appoggio: Rifugio Bozano

bibliografia: G. Bergese, G. Ghibaudo, Corno Stella, Versante Sud ed., 2012

accesso:
La via attacca dalla cengia mediana, nel cosiddetto settore Centrale del Corno Stella. L'attacco originale della via era in comune con la via Campia, sulla spalla della cengia.
Dal 2013 esiste una variante chiodata dall'alto da F. Bessone, che parte direttamente dalla cengia mediana a sinistra della spalla e si congiunge con due tiri verticali al primo tiro del tracciato originale.

note tecniche:
Bellissima via aperta dal basso, su roccia spettacolare per qualità; originariamente molto temuta per la chiodatura a spit assai distanziata, nel 2013 è stata richiodata da M. Schenone con l'aggiunta di vari spit sul tracciato, che resta comunque piuttosto selettivo.
La via si svolge in gran parte lungo la linea di calata della via Campia. Per questo motivo ne è sconsigliata la salita in caso di cordate impegnate in discesa sulla stessa linea.
S2/II TD+.

descrizione itinerario:
L1 (tracciato originale) salire la spalla della cengia mediana fino al chiodo con cordino che segna l'attacco della via Campia; traversare quindi in diagonale verso sinistra fino alla sosta (4c, 45 m). In alternativa, dalla cengia mediana, più in basso e a sinistra (faccia a monte) rispetto alla spalla, seguire la bella variante di attacco, 2 tiri su muro verticale, 5c-6a)
L2 muro delicato, poi placche verticali (6a/b, 35 m)
L3 bellissimo muro fessurato, poi pilastro e placca verticale finale (6b, 25m)
L4 muretto, placca di aderenza, poi strapiombo con fessura e traverso in diagonale a sinistra fino ad una sosta intermedia posta in una nicchia (2 spit da collegare; 6a+, 35m)
L5 serie di risalti facili fino alla sosta posta sotto il plateau sommitale (4, 20 m)

Calate sulla via.

altre annotazioni:
Via aperta da M. Alvazzi, A. Ferrante e M. Schenone il 28 settembre 1996.
Richiodata da M. Schenone nel 2013.
La via è dedicata a Orlando Bajetto.


Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale