Cervèt (Monte) da Chiappera

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Varie
quota partenza (m): 1626
quota vetta/quota massima (m): 2981
dislivello totale (m): 1355

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: pr18
ultima revisione: 23/03/14

località partenza: Chiappera (Acceglio , CN )

punti appoggio: Rifugio Campo Base Chiappera

cartografia: IGC: Val Maira Grana Stura 1:50.000

bibliografia: It.nr.24 Charamaio en Val Mairo di Bruno Rosano - Dal Colle della Maddalena al Monviso di Jean Charles Campana

accesso:
da Dronero si risale tutta la Val Maira fino al ponte Souttan, nei pressi del Rif. Campo Base

note tecniche:
Aguzza ed elegante, è un ottimo punto panoramico sull'alta Val Maira. Il percorso si svolge in un vallone solitario e defilato, dove è possibile incontrare camosci e stambecchi. Da intraprendere in primavera quando le condizioni nevose siano più sicure. Picca e ramponi utili.

descrizione itinerario:
Dal ponte Souttan m.1626 si segue la strada sulla destra verso il vallone del Maurin e dopo il secondo tornante risalire il Vallone Gregùri (a destra della Provenzale). Prima di raggiungere l'omonimo Colle, a quota circa m.2300, si volge a destra risalendo un ripido valloncello, superato il quale il percorso spiana e si succedono dossi e avvallamenti, fino a pervenire nel largo pianoro superiore (2460 m ca). Lo si percorre per tutta la sua lunghezza, dal quale è evidente il Monte Cervèt con le due vie di salita:
a destra (dir. SE - il classico ed il più sicuro): seguendo il naturale andamento del vallone che diventa un ampio canale con salita regolare fino al Passo di Cervèt (2861 m). Dal Passo, per un ripido pendio verso sinistra, si raggiunge il crestone NO, risalendolo fino a giungere sulla cresta pianeggiante. Si supera o si aggira a destra un risalto roccioso e si perviene alla Croce di vetta.
a sinistra (dir. NE - da intraprendere solo con condizioni assolutamente sicure, pendii laterali che abbiano scaricato): risalendo il ripido pendio-canale sotto il Col di Rui e, senza raggiungerlo, si piega a destra portandosi sui pendii superiori che in direzione S, salgono al crestone NO del Cervèt, ricongiungendosi con l’itinerario proveniente dal Passo di Cervèt.
I due itinerari possono essere percorsi ad anello nei due sensi, oppure in modo indipendente A/R