Uderle (Sojo d') Spigolo Boschetti - Zaltron

difficoltà: 7a / 6a obbl / A1
esposizione arrampicata: Sud-Est
quota base arrampicata (m): 1000
sviluppo arrampicata (m): 450

copertura rete mobile
3 : 40% di copertura

contributors: pardes_18
ultima revisione: 20/06/13

località partenza: Val Fontana d'Oro (Vallarsa , TN )

vedi anche: http://kitalpha.altervista.org/uderle/uderle.html

accesso:
Dal parcheggio si seguono le indicazioni per Val Fontana d'Oro (al primo bivio si lascia una sbarra sulla destra, ad un secondo si lascia una strada in cemento discesa a sinistra e i i sentieri che si staccano evidenti sulla destra). Da una strada sterrata in piano ignoriamo le indicazioni per il Voro d'Uderle e proseguiamo fino a dove la strada si perde in un'ampia radura ombrosa (ometto). Risaliamo i ghiaioni in direzione dello spigolo (altri ometti). Tra lo zoccolo erboso ed una via a spit attacchiamo l'evidente diedro (chiodi e cordini visibili).
30' dal parcheggio

note tecniche:
Roccia buona anche se da trattare con le dovute cautele, lungo i tiri materiale molto datato anche se abbondante e con buone possibilità di integrare. Ottime soste e pure comode, le bitte di ancoraggio sono solidissime ma avendo sempre un solo punto accolgono male due o più moschettoni.
In estate fa caldo solo fino al mezzogiorno, poi ombra e piacevole brezza

descrizione itinerario:
1L - Con un traversino si raggiunge il diedro. Lo si risale con qualche passaggio delicato a causa di un po'di erba. Numerosi chiodi o clessidre passate, nell'ultimo tratto però è meglio mettere qualcosa. Sosta su 2 radici. 30m, V+
2L - Qui la faccia sinistra del diedro strapiomba. L'arrampicata risulta tecnica, comunque ottimamente chiodata. A metà del tiro alcuni passaggi si possono parzialmente azzerare (da VII si passa a VI). Passata la sezione dura si sale più agevolemente. Si esce a sinistra aggirando uno spigolo. Sosta su 4 chiodi. 30m, V+/VI, VII (1 passo)
3L - Si sale un diedrino con uscita incerta (VI-). Ora si seguono i chiodi prima a sinistra, poi in obliquo a destra e di nuovo a sinistra. Infine dritti alla zona gialla dove ci si ricongiunge con la via originale. Attenzione all'attrito delle corde! Sosta su golfare. 30m, V+
[Per l'originale si doveva attaccare uno zoccolo erboso con passi di III per poi traversare sulla parete gialla con difficoltà di IV]
4L - Si segue un diedro grigio che costeggia la parete gialla (chiodi). Un breve traverso ed una nuova paretina. Sul finale si traversa da destra a sinistra, su appigli piccoli, per andare a sostare a sinistra di un evidente diedro giallo. 35m, V+
5L - Si sale il diedro giallo, con passaggi all'inizio più difficili. In alto diventa più facile e ci si può porteggere a friend. Sosta su terrazzino con 3 chiodi. 20m, V e IV
6L - Ora si affronta una parete scura verticale. Si può salire abbastanza dritti, entrando in un diedrino ed uscendone a sinistra. Per arrivare alla sosta si deve traversare a sinistra e salire per una paretina. Per noi attrito pazzesco delle corde. 40m, V+
7L - Si traversa a sinistra per cengetta erbosa. Trovati due chiodi se ne esce sulla destra per poi riattraversare per cengia a zolle verso sinistra. Si raggiunge una parete gialla. Sosta su golfare appena al di là dello spigolo. 40m, IV+ (1 passo), resto zolle
8L - Tiro difficile. Si sale la parete sinistra dello spigolo povera di buoni appigli e con una serie di fessure non facili (qui ch. sotto l'erba in uscita). Un secondo tratto su roccia scura e a destra dello spigolo presenta un solo passaggio da capire. Sosta su golfare. 40m, V+, VI- e V
9L - Si sale un breve diedrino giallo. Si rimonta a sinistra fino ad una fessurina, inizialmente con una buona manetta ma poi bella tosta [cordino sulla sinistra, forse è un altra possibilità]. Un altro breve diedrino giallo da proteggere permette di arrivare sulla destra alla sosta su golfare. 20m, V+, VI
10L - Dalla sosta si sale con prudenza ai primi chiodi. Quindi si traversa a sinistra su placca liscia fino ad un chiodo con cordino. Segue un breve tratto non facile su piccoli appigli. Ancora a destra fino a salire su un gradino di roccia dove si può passare un moschettone su un mazzo di cordini. Qui ci si fa calare in assoluta esposizione sul filo dello spigolo per poter fare un "pendolo" fino ad un terrazzino sulla sinistra. Sosta su due golfari. 30m, V+, VI e pendolo.
[altre possibilità: dal moschettone si può salire dritti con passaggio di 6c/7a oppure in A0, segue una placca e ci si ricongiunge saltando L11. Oppure non si passa il moschettone e si aggira lo spigolo arrampicando in traverso in discesa (chiodi) con difficoltà sul VI/+]
Per chi non volesse concludere la via dovrebbe esserci la possibilità di calarsi sulla sottostante via a spit
11L - Si traversa su cengetta 4m a sinistra. Ora si sale obliquando leggermente a destra seguendo i chiodi in loco. L'arrampicata non è banale perché ci si deve tenere anche su zolle e terra. Sosta sullo spigolo alla base di una paretina gialla, su golfare. 40m IV erboso-terroso
12L - Si vince la paretina strapiombante come se fosse un boulder, visto che non ci si protegge. Noi siamo passati tenendoci sulla destra. Una volta usciti si può continuare facilmente per il pendio a zolle fino alla sosta su cordino intorno ad un mugo. 30-40m, V+ e I
(13L) - Procediamo slegati risalendo il pendio a zolle, obliquando verso destra. Rinveniamo anche un cordino intorno ad un alberello. Ai piedi di una peretina che ci sbarra la strada troviamo un chiodo e sostiamo. Saranno 100m di zolle facili.
14L - Superata la paretina (III) ci riportiamo a sinistra dentro un canale che risaliamo tutto (1 passaggio su camino roccioso). Sostiamo dopo circa 50m su radice.
(15L) - Slegati si traversa a sinistra sotto le rocce fino alla cresta (trovato 1 golfare). Risaliamo la cresta verso nord e superando una prima elevazione concludiamo in cima. 40m, max I

Discesa:
Si scende in doppia senza giungere in vetta utilizzando una sosta dell'itinerario a spit moderno e poi lungo la via di salita dopo la cangia erbosa.