Visolotto Mauri

difficoltà: TD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 2900
quota vetta (m): 3348
dislivello complessivo (m): 350

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: berni
ultima revisione: 29/09/12

località partenza: Castello (Casteldelfino , CN )

punti appoggio: Rifugio Vallanta

cartografia: Fraternali 1:25000 n.10 Valle Po Monviso Monte Bracco

accesso:
Dal rifugio Vallanta (2430m) salire l’evidente ripido canale a destra del vallone, che conduce alla morena del ghiacciaio di Vallanta.
Raggiunta la sommità della morena, percorrerla a sinistra sino ad arrivare alla bastionata sud-ovest del Visolotto, suddetta bastionata e percorsa da una serie di diedri molto lunghi, dei quali due evidenti. La via percorre quello di sinistra, più lungo e lineare. Ometto alla base di un marcato speroncino a sinistra di una placca con striature nere, spit con cordone a 15m circa dall’attacco (ore 1.15 dal rifugio).

note tecniche:
In posto 17 fix da 10 e 10 chiodi; necessaria serie nuts e friends
A parte la S4 che ha 2 fix le altre presentano un solo fix + cordone in clessidra

descrizione itinerario:
Dall'ometto percorrere suddetto speroncino sino a una placca (spit), superarla e andare a destra sino alla sosta a sinistra delle striature nere e bagnate 45m S.1 (4c).
Attraversare scendendo a destra (sovente bagnato) poi orizzontalmente sempre a destra su una placca appoggiata sino ad uno scalino posto alla base di un bel diedro regolare S.2 35m (4a).
Superare il diedro, uscirne a sinistra e poi con un breve semicerchio prima a destra e poi a sinistra si reperisce il fondo del lungo diedrone indicato precedentemente.
Lo si segue fedelmente per 3 tiri di corda S.3(60m)(5c)-
S.4(50m)(5b)-
S.5(50m)(5c).
Dalla S.5 si scende pochi metri, ad un intaglio salire la cresta successiva prima a sinistra per poi seguirla facilmente sino ad un altro intaglio S.6(60m)(3b).
Di qui salire verticalmente un sistema di muretti e diedrini ben fessurati S.7 (40 m) (5b), fino a superare un ultimo muro verticale dal quale in pochi metri si raggiunge la S.8(15m)(6a+) in prossimità del crestone classico S.O. ( nella 4° lunghezza si deve superare all’interno per circa 12m una bella fessura-camino di circa 30/35cm di larghezza).
Dalla S.8 si può continuare la salita fino in vetta al Visolotto, oppure con due doppie: la prima da 40m scendendo faccia a valle in diagonale a destra, la seconda da 60m portandosi con un breve traverso a destra (faccia a valle) su un facile costone e in circa 15-20 minuti con un semicerchio a sinistra (faccia a valle) alla partenza della via.

altre annotazioni:
Via aperta da: Valter ed Ernesto Galizio, Valter dell'Erba, Riccardo Borsello e Stefano Pellissero il 16-09-2012.
Itinerario dedicato all'amico Maurizio Carcereri morto in un incidente in montagna il 21-04-2012