Alta Via Camuna Sentiero 2

sentiero tipo,n°,segnavia: sentiero 2 della Val Camonica
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 1034
quota vetta/quota massima (m): 3100
dislivello salita totale (m): 3108

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Bestetti Enrico
ultima revisione: 26/09/12

località partenza: Vezza d'Oglio (Vezza D'oglio , BS )

punti appoggio: Bivacco Occhi, Bivacco Linge, Passo Gavia, Rifugio Bozzi

cartografia: Kompass 94 - Edolo Aprica

note tecniche:
L'alta via camuna inizia a Vezza d'Oglio e termina a Ponte di Legno, passando per il Passo Gavia. L'itinerario sovrasta la parte settentrionale dell'alta Val Camonica in provincia di Brescia, all'interno del Parco nazionale dello Stelvio. Frequentissimi sono gli incontri con la fauna: cervi, camosci, stambecchi, marmotte, aquile sono gli incontri pi� frequenti, la val Grande � il luogo frequentato nella stagione degli amori dai cervi (ne sono stati censiti 700) Lungo il percorso si trovano i resti di insediamenti militari della prima guerra mondiale: trincee, muraglie, caverne, e altre opere. Inoltre presso il rifugio Bozzi � visitabile il museo Gianni De Giuli dedicato alla grande guerra e alle vicende del Montozzo. Questo trekking ha una lunghezza di circa 40 km a quote comprese fra i 2000 e i 3000 m., si attraversano due valichi a quota superiore ai 3000 metri, la bocchetta dei Tre Signori (3100) e il passo di Pietra Rossa (3050). Va affrontato con adeguata esperienza e attrezzatura, la presenza di neve ancha a stagione avanzata pu� rendere difficoltoso l�attraversamento dei passi. Specialmente la salita alla Bocchetta dei Tre Signori, una scarpata rocciosa di un centinaio di metri, pur facilitata dalla presenza di catene, va affrontata con particolare attenzione alle condizioni della montagna, l�esposizione a nord e la quota rendono normale la presenza di neve e ghiaccio, le catene possono essere sepolte spezzate dalle scariche di sassi.

descrizione itinerario:
1) Da Vezza d'Oglio (m.1080) al bivacco Saverio Occhi (m.2047) ore 3 Da Vezza d’Oglio si segue il torrente che scende dalla Val Grande, prima lungo una stradina asfaltata poi lungo una carrareccia incobtrando malghe e baite private lungo la dolce valllata fino al Bivacco.

2) Dal bivacco Saverio Occhi (m.2047) al bivacco Linge (m.2273) ore 5 Si risale la val Grande fino a quota 2600, poi il sentiero devia a destra e attraversa una scarpata rocciosa (brevissimo tratto attrezzato) poi risale un vallone fino a quota 3050 (croce) da dove si scende (tratto esposto) verso il passo di Pietra Rossa, da qui lungo il sentiero fino al bivacco Linge che si vede su un pianoro in fondo alla vallata.

3) Dal bivacco bivacco Linge (m.2273) al rifugio Bozzi (m.2478) ore 6 Il sentiero sale su un dosso erboso per poi attraversare una dorsale rocciosa (breve tratto attrezzato) per poi scendere lievemente fino al lago Nero. Da qui attraversata la strada si sale lungo dossi erbosi al Passo Gavia (Rifugio Bonetta) ore 1.30. Lungo l’ampia strada militare si sale verso il Corno dei Tre Signori, la si abbandona fino alla morena che si risale fin sotto la bastionata che difende il passo. Superato il tratto attrezzato si arriva alla bocchetta dei Tre Signori. Il setiero, agevole, dopo un brevissimo tratto attrezzato scende in direzione dei laghi di Ercavallo. Arrivati all’ultimo lago inizia la strada militare che dopo una breve salita percorre i finchi dirupati del Montozzo fino al Rifugio Bozzi.

4) Dal Rifugio Bozzi (m.2478) a Ponte di Legno (m.1256) ore 4 Il sentiero 2 si separa dalla strada che sale dalle Case di Viso poco sotto il rifugio, lo si segue in leggera discesa lungo le pendici del Monte Tonale. Arrivati in vista di Ponte di Legno si scendere decisamente zizzagando su un dosso erboso per poi entrare nel bosco, attraversata una strada si contnua fino a fondovalle in prossimità dell’isola ecologica, seguendo la strada si arriva in paese.