Posmeda e Passo Scimfuss da Airolo

difficoltà: TC / TC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1181
quota vetta/quota massima (m): 2616
dislivello salita totale (m): 1650
lunghezza (km): 41

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: sergio meroni
ultima revisione: 27/06/11

località partenza: Airolo (Airolo , Leventina )

punti appoggio: Airolo

cartografia: Cartine Svizzer n. 265 - 266

note tecniche:
Itinerario molto vario, senza difficoltà e pericoli di rilievo, senza dubbio impegnativo se al giro si aggiunge la salita alla cima del Posmeda (facoltativa)

descrizione itinerario:
Descrizione giro

Per facilitare la partenza!
Si parte dalla stazione ferroviaria di Airolo m. 1181 e inizialmente per un breve tratto ci si dirige verso Madrano direzione Est, per poi piegare alla curva, in direzione opposta, immettendosi così sulla vecchia strada del passo. La si percorre per un breve tratto, poi con logica, si piega a destra e ci si immette su di una stradina che con una serie di tornanti panoramici sulla valle, con discreta pendenza conducono verso il Motto Bartola. Dopo questa località, ci si inserisce definitivamente sulla vecchia strada del passo, e si arriva senza possibilità di errore al Passo del Gottardo m. 2091. (Molto interessante la parte alta della Val Tremola, in particolare il tratto di salita lungo i caratteristici tornanti in sampietrini). Giunti al passo, si compie il giro del lago e senza grosse difficoltà di orientamento si imbocca la stradina che conduce verso il Passo Scimfuss. A quota 2146, si abbandona questa stradina e piegando a sinistra si sale al Lago della Sella m. 2256. Senza attraversare la diga, si prosegue sulla sponda sinistra del lago un uno splendido scenario alpino e si arriva fino al ponticello che consente di ritornare alla diga lungo il versante opposto. Dal ponticello, quota 2320, per evidente stradina sassosa, si sale fino alla cima del Posmeda 2616. (tutto questo tratto in massima parte si percorre spingendo la bike), ma il panorama che poi si vede dalla cima, merita questo sforzo e questo impegno supplementare, anche perché poi la discesa è completamente fattibile in bike. Questo tratto è alternativo e non obbligatorio. Semplicemente e più facilmente si può fare solo il giro del lago, ma attenzione! in questo casi il mio consiglio è di farlo nel senso opposto, attraversando la diga e rientrando dal lato opposto.
Tornati sulla strada per il Passo Scimfuss, seguendola fedelmente si arriva al panoramico passo, osservando uno splendido panorama sulla vallata sottostante.
Ora da questo punto in poi le difficoltà di salita sono ormai alle spalle e non rimane che la lunga discesa ad Airolo. Con ampio giro ad alta quota, si passa dall’Alpe Pontino e di seguito dalle baite di Orello per poi puntare sul fondo valle e Airolo. Tutta la salita come la discesa a valle, non presenta difficoltà particolari di tracciato. Mai ci si viene trovare in condizioni di particolare pericolo e il tutto sempre pedalando immersi in uno magnifico scenario alpino. Attenzione! Giunti nella parte bassa della discesa, in corrispondenza di un bivio, e in corrispondenza della deviazione consigliata per le bike a destra. Un cartello invita a non continuare la discesa a valle diritti, in quanto nella parte sottostante il passaggio in bike è proprio accanto alla fine di una enorme frana che ha scardinato e distrutto parte di un versante della montagna. La stradina però è percorribile, anche se il mio consiglio è di prendere la deviazione sulla destra.
Si arriva in entrambi i casi ad Airolo completando un giro di sicuro interesse paesaggistico e grande fascino.

Di Sergio Meroni 0039 3355894553
E mail [email protected]
Se vuoi essere dei nostri