Antoroto (Monte) dalla Colla di Casotto, giro delle Rocche di Perabruna

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 1350
quota vetta/quota massima (m): 2144
dislivello salita totale (m): 1450

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura

contributors: solosole
ultima revisione: 06/09/10

località partenza: Colla di Casotto (Garessio , CN )

punti appoggio: rif.savona-rif. manolino

cartografia: IGC carta dei sentieri e dei rifugi n°15

note tecniche:
Sconsigliato in caso di nebbia per forte rischio di smarrimento. Il punto di partenza può essere scelto in base alle provenienze (colla di casotto, val d'inferno, strada per la colla dei termini).

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto in un comodo parcheggio poco a valle della Colla verso Garessio, in prossimità di un albergo chiuso (1350 m), seguire la strada forestale che porta al rifugio Savona e proseguire sul sentiero verso la colla bassa (1846 m).
Salire al Monte Antoroto 2144 m, scendere verso Ormea e costeggiare verso ovest il ripido pendio meridionale delle Rocche di Perabruna per tracce o per pascoli, raggiungere la strada sterrata che porta alla Colla dei Termini 2014 m.
Salire verso nord-est, per pascoli e tracce alla Ciuajera (o Cinaiera 2133 m, grotta importante verso est in dolina). Scendere per tracce e sentiero al ripiano glaciale dei Lamazzi (laghetti e torbiere 1800 m), proseguire la discesa su sentiero.
A circa 1700 m, dove finiscono i calcari buona sorgente.Superata una bella stalla in pietra,con piccola risalita raggiungere una chiesetta e svoltando a dx raggiungere il rifugio Manolino (CAI di Ceva, quasi sempre chiuso ma con rustico locale ricovero agibile).
Per tracce salire alla colla bassa 1848 m e percorrere a ritroso la parte iniziale dell'itinerario fino al punto di partenza.

altre annotazioni:
Bel giro, per amanti delle lunghe camminate, con vari panorami, vista mare, quasi tutto su sentiero. Interessanti osservazioni naturalistiche geologiche(stratigrafia mesozoico, doline, grotte, conche glaciali) botaniche, entomologiche (tantissimi Parnassius apollo). Ottimo in autunno o in giornate limpide.