Croset (Punta) da Migliere e il Colle del Croset

difficoltà: EE/F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1060
quota vetta/quota massima (m): 2465
dislivello salita totale (m): 1405

copertura rete mobile
vodafone : 90% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: block65 garbo
ultima revisione: 23/08/15

località partenza: Migliere (Groscavallo , TO )

cartografia: IGC serie Monti n° 103 - Fraternali editori Valli di Lanzo

note tecniche:
Bella gita in uno dei meno frequentati valloni tributari della destra idrografica della Val Grande di Lanzo.
Il sentiero d'accesso al panoramico Colle Croset nord è stato recentemente segnalato parzialmente con bollini di vernice bianco - rossa da Beppe Martino, Marco Blatto, Meo Rapelli, Cecilia Genisio e Ugo Gabrielli. Vista ottima sulle montagne canavesane, sul Gruppo del Gran Paradiso, su quello della Ciamarella, sul Gura Martellot e Levanna.

Attenzione: Ci sono almeno 2 Colli Croset (uno a Est 2390 appena sotto la punta Croset ) e uno piu a Ovest 2450 ca raggiunto dal lato Migliere dal sentiero di cui si parla qui.
per raggiunger il colle 2390 bisogna quindi abbandonare il sentirero segnalato ad una quota di circa 2300 dove si stacca una lieve traccia + o - sotto il colle.
il sentiero con segnavia e' molto ben tracciato sulla carta Fraternali - attenzione che ogni tanto i segnavia latitano.

descrizione itinerario:
Dalla frazione Migliere di Groscavallo si scende a oltrepassare lo Stura di Val Grande e, a un primo bivio, si va a sinistra seguendo le indicazioni per il Colle del Croset. Si percorre la bella traccia segnalata fino al Gias Vecchio 1869 m, suituato in un ampio pianoro ai piedi del M.Doubia (ore 2). Si sale poi lungo il sentiero che si inoltra tra gli ontani, uscendo sul bel terrazzo di origine glaciale dove è ubicata l'Alpe del Crot 2141 m (0re 1).
Da qui 2 possibilita' :
1)Si continua a seguire il sentiero segnato fino a quota 2300 circa quando, giunti in direzione del colle Croset orientale si indovina la traccia che porta a suddetto colle.
Dal colle si arriva in punta seguendo la Cresta ed utilizzando ogni tanto le mani come semplice appoggio (passaggi semplici di II).
Possibile variante alquanto oscura e' la seguente della precedente relazione:
2)Addentrarsi quindi nel valloncello che si apre a destra della conca, raggiungendo lo spalto detritico che ospita due piccoli laghetti. Costeggiare la parete nord della Punta Croset e arrivare al colletto che divide il vallone fin'ora percorso dal bacino del Carro (ore 0,40). Salire in direzione sud lungo una debole traccia che, brevemente, raggiunge il Colle del Croset 2390 m. Piegare allora a sinistra e salire una placca di rocce abbatture, poi una crestina di blocchi accatastati (passaggi di I°) fino ad arrivare al torrioncino finale. Questo si può superare direttamente dal suo versante ovest per facile fessura III +, oppure aggirare sul suo lato sud II° (ore 0,10; ore 3,50 in tutto)